Tempo di lettura stimato: 7 minuti

L’anno 2023 è arrivato agli sgoccioli, l’inflazione ci ha massacrato per bene, i mercati finanziari sembrano incomprensibili e il ciclo economico si avvia alla fine. Cosa fare? Rifugiarsi nella liquidità dei tanti conti deposito offerti dalle banche? Saira Malik, CIO di Nuveen ci spiega in questa lunga e dettagliata analisi le ragioni per non rifugiarsi nella liquidità in vista di una fine di 2023 all’insegna dell’incertezza e sulle possibili soluzioni di investimento.

Saira Malik – Fonte: Nuveen

Introduzione

Mentre andiamo verso la fine del 2023, molti investitori continuano a temere l’inflazione, la politica monetaria e una possibile recessione. Tuttavia, mentre queste preoccupazioni rimangono vive, il ciclo economico è più avanzato e il tempo a disposizione si sta esaurendo. Riteniamo che una strategia d’investimento vincente in questo contesto richieda di rientrare in campo e di posizionare i portafogli per cogliere interessanti opportunità di fine ciclo finché sono ancora disponibili.

È troppo presto per sapere se la natura esatta e la tempistica della fine del ciclo saranno una conclusione scontata o una sorpresa che sfidi le probabilità, ma i mercati non sono stati timidi nel piazzare le loro scommesse e nel fare il tifo dagli spalti. Nel corso dell’estate e prima della decisione della Federal Reserve di mantenere i tassi fermi a settembre, le nostre previsioni si sono discostate dal consenso su due punti chiave: (1) riteniamo che l’inflazione e i tassi d’interesse resteranno più alti più a lungo e (2) non prevediamo tagli dei tassi statunitensi all’inizio del 2024. Per il momento, queste opinioni rimangono allineate alle azioni e alla retorica della Fed, compresa la possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi nel 2023.

Temi del portafoglio

Riteniamo che i vantaggi di rimanere pienamente investiti in un contesto di incertezza siano superiori ai rischi di rimanere fuori dal mercato. Certo, il contesto è difficile. Se da un lato l’inflazione si sta lentamente moderando, dall’altro la crescita economica sta rallentando e non possiamo escludere il rischio di un brusco atterraggio dell’economia. La maggior parte delle banche centrali è probabilmente vicina alla fine della fase di stretta politica, ma ciò non significa che l’allentamento sia all’orizzonte nel breve termine. Si potrebbe essere tentati di aumentare l’allocazione in liquidità in attesa di ulteriori chiarimenti, ma riteniamo che sarebbe un errore. Riteniamo che gli investitori debbano rimanere in gioco e continuare a cercare opportunità di crescita del portafoglio e di generazione di reddito, anche se ciò significa cercare in aree inaspettate.

Non si può vincere se non si gioca. Sebbene gli investitori debbano mantenere una parte dei loro portafogli in liquidità o in strumenti equivalenti, una sovra ponderazione strategica della liquidità è raramente saggia, soprattutto in questo momento. Oppure, in una questione correlata, gli investitori istituzionali rimandano le decisioni di asset allocation o ritardano il ribilanciamento delle politiche fino a quando non emerge maggiore chiarezza.

Storicamente, tuttavia, gli investitori si sono spostati verso la liquidità proprio nei momenti sbagliati, quando i tassi d’interesse a breve termine erano vicini ai loro picchi, e così facendo hanno spesso perso l’opportunità di generare rendimenti di portafoglio superiori al tasso privo di rischio.

Prevediamo un rallentamento della crescita economica globale nei prossimi trimestri, con una moderazione dell’inflazione e dei tassi. Di conseguenza, i rendimenti della liquidità potrebbero scendere in questo periodo.

Non tutti i redditi possono essere valutati allo stesso modo. Riteniamo che gli investitori farebbero bene a considerare un modesto allungamento della duration e a diversificare i propri flussi di reddito. La maggior parte dei mercati (compresi gli Stati Uniti) sembra essere vicina alla fine del ciclo di rialzo dei tassi. I tassi dovrebbero diventare meno volatili, con i rendimenti del reddito fisso che rimarranno in una fascia di negoziazione per almeno diversi trimestri prima di iniziare a vedere tagli dei tassi. Ciò suggerisce che gli investitori potrebbero trarre vantaggio da un modesto allungamento della duration per ottenere rendimenti interessanti e posizionarsi in vista di un eventuale calo dei tassi.

Gli investitori dovrebbero inoltre diversificare la generazione di reddito in base alle loro esigenze di portafoglio, che si riflettono in queste tre categorie:

  • I portafogli a reddito difensivo cercano un reddito tradizionale e più conservativo altamente correlato ai tassi d’interesse. Un portafoglio di questo tipo dovrebbe sovrappesare i titoli societari investment grade e le attività cartolarizzate.
  • I portafogli di reddito alternativi cercano una bassa correlazione con i fattori economici. Comprendono una gamma ampiamente diversificata di investimenti, tra cui titoli privilegiati, immobili, credito privato e terreni agricoli, bilanciati con il reddito fisso tradizionale a breve termine.
  • I portafogli a reddito di credito cercano un rendimento maggiore per unità di rischio e sono intenzionalmente altamente correlati al rischio di credito. Potrebbero includere allocazioni più consistenti al credito high yield, al private credit e ai prestiti senior. Sebbene non esista una risposta univoca per tutti i tipi di reddito, l’identificazione della strategia giusta inizia con una migliore definizione degli obiettivi di reddito specifici.

Coprire tutto il terreno, naturalmente. Vediamo un potenziale significativo nei progetti volti a ripristinare il capitale naturale (o la biodiversità della Terra). Gli investimenti in capitale naturale globale, come i terreni agricoli, i terreni boschivi e l’agroalimentare, tendono ad avere flussi di cassa costanti e a lungo termine, e la loro natura illiquida li rende relativamente isolati dalle dinamiche di mercato a breve termine.

L’economia globale è fortemente legata alla salute complessiva dell’ambiente mondiale e il mondo sta investendo molto per ripristinare la biodiversità della Terra attraverso accordi come il COP15 Global Biodiversity Framework.

A nostro avviso, concentrandosi su investimenti in capitale naturale in grado di proteggere, migliorare e ripristinare asset di capitale naturale come l’acqua dolce e il suolo, riducendo al contempo le emissioni di gas serra, si può migliorare la resilienza dei rendimenti dei terreni agricoli, oltre a ottenere ulteriori fonti di reddito non correlate dai pagamenti dei servizi ecosistemici.

Ulteriori aree di interesse

In tutto lo spettro azionario: Il mercato azionario pubblico è stato spinto per gran parte del 2023 da una manciata di grandi società tecnologiche. Sebbene il rialzo dei mercati si sia recentemente ampliato, riteniamo che i mercati azionari pubblici in generale presentino un profilo di rischio/rendimento non del tutto convincente alle valutazioni attuali. Come illustriamo più dettagliatamente nella nostra discussione sulle “migliori idee” azionarie, esistono solide opportunità nei titoli azionari statunitensi che pagano i dividendi e in alcuni mercati emergenti, ma nel complesso suggeriamo una posizione difensiva e neutrale.

Passando al private equity, molti clienti si chiedono quando le condizioni miglioreranno. Il flusso di transazioni è rimasto depresso a causa delle preoccupazioni legate a problemi quali l’aumento dei costi dei fattori produttivi e le interruzioni della catena di approvvigionamento che hanno avuto un impatto sui margini delle aziende private. Si stanno delineando punti luminosi in venditori motivati/distressed o in operazioni più piccole e altamente opportunistiche, ma prevediamo che ci vorranno un paio di trimestri prima che il mercato complessivo migliori in modo sostanziale.

Le nostre opinioni più forti

– Il private credit (+) rimane un’area privilegiata. La domanda degli investitori è elevata e i fondamentali degli investimenti appaiono solidi. Continuiamo a preferire i settori più resilienti come l’assistenza sanitaria, il software e i broker assicurativi, che sono relativamente ben posizionati per resistere alle flessioni economiche.

– Le infrastrutture (+) dovrebbero resistere relativamente bene alle prospettive di rallentamento della crescita economica. Sia le infrastrutture pubbliche che quelle private appaiono interessanti, soprattutto per le valutazioni interessanti delle infrastrutture pubbliche.


TI PIACE IL SITO e il suo DATABASE?

Se ti piace il sito e lo trovi utile, prima di continuare la lettura, aiutaci in questo progetto di educazione finanziaria con una piccola donazione per coprire le spese di gestione e mantenere il sito senza pubblicità. Clicca sul bottone o su questo link. GRAZIE!


DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.


error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!