La ricchezza totale investibile attualmente detenuta nel blocco dei BRICS ammonta a 45.000 miliardi di dollari e si prevede che la popolazione milionaria aumenterà dell’85% nei prossimi 10 anni, secondo il rapporto inaugurale sulla ricchezza dei BRICS, pubblicato a fine gennaio dalla società di consulenza internazionale per la migrazione degli investimenti Henley & Partners in collaborazione con la società di intelligence patrimoniale globale New World Wealth.

Attualmente ci sono 1,6 milioni di persone con un patrimonio investibile superiore a un milione di dollari nel gruppo delle principali economie emergenti del mondo, tra cui 4.716 centi-milionari o “centis” (con più di 100 milioni di dollari di patrimonio investibile) e 549 miliardari.

Fonte: Henley & Partners

L’allargamento dei BRICS crea ricchezza

Il gruppo originario dei BRICS, composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, ha aggiunto una nuova potenza finanziaria e un nuovo peso geopolitico con l’inclusione, questo mese, dei nuovi membri del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA): Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Il blocco dei BRICS rappresenta ora oltre il 45% della popolazione mondiale e rappresenta una quota maggiore (quasi il 36%) del PIL globale rispetto ai Paesi del G7 (30%), se si tiene conto della parità di potere d’acquisto (PPA).

Fonte: VisualCapitalist.com

Juerg Steffen, CEO di Henley & Partners, afferma che i BRICS sono oggi un attore molto influente nell’economia globale e presentano nuove interessanti opportunità per investitori, imprenditori e persone di talento con un elevato patrimonio netto. “L’inclusione dei Paesi dell’area MENA non è solo un riallineamento politico, ma anche un riconoscimento della loro crescente statura economica. La regione, storicamente di importanza cruciale per le sue risorse energetiche, sta ora affermando un ruolo economico più diversificato. Per gli investitori di tutto il mondo, la crescente partecipazione dell’area MENA ai BRICS apre un ventaglio di possibilità al di là della regione, offrendo l’accesso a mercati di consumo in rapida crescita, a un posizionamento geografico strategico e a contesti culturali e commerciali unici.

La ricchezza privata dei BRICS: un’analisi approfondita

Il nuovo rapporto rivela che nell’ultimo decennio la ricchezza privata è cresciuta di un notevole 92% in Cina, che ora ospita 862.400 milionari, tra cui 2.352 cento-milionari e 305 miliardari. L’India segue al secondo posto nella classifica HNWI dei BRICS, con 326.400 milionari, di cui oltre 1.000 centi-milionari e 120 miliardari, e una crescita della ricchezza dell’85% negli ultimi 10 anni.

Anche la popolazione milionaria degli Emirati Arabi Uniti è aumentata del 77% dal 2013 e il principale polo patrimoniale del Medio Oriente ospita oggi 116.500 milionari, tra cui oltre 300 centisti. Nell’ultimo decennio si è assistito a una forte crescita della ricchezza privata anche in Arabia Saudita e in Etiopia, dove la popolazione milionaria è aumentata rispettivamente del 35% e del 30%.

Ricchezza nei BRICS – Fonte: New World Wealth

Commentando il BRICS Wealth ReportJeff D. Opdyke, esperto di finanza personale e investimenti, afferma che “le nazioni un tempo considerate ‘in via di sviluppo’ o ‘emergenti’ o il peggiorativo ‘terzo mondo’ sono ora economie dinamiche che stanno cambiando l’ordine globale. Dal punto di vista economico, le nazioni non occidentali – con i BRICS all’avanguardia – stanno spingendo il mondo verso una nuova realtà: Uno status quo economico, sociale e monetario emergente che sta sconvolgendo ciò che il mondo ha accettato come normale per quasi otto decenni“.

Sebbene il resto della coorte dei BRICS abbia registrato un calo della popolazione milionaria dal 2013, con una diminuzione del 20% in Sudafrica, che ora ospita 37.400 milionari, e un calo del 38% in Iran, dove oggi risiedono 11.900 HNWI, c’è ancora una significativa ricchezza privata da trovare all’interno dei confini di queste nazioni del Sud globale. Il Brasile ospita 82.400 milionari, con un calo del 28% rispetto al 2013, la Russia ha 68.400 HNWI residenti, il 24% in meno rispetto al 2013, e l’Egitto ospita 15.600 milionari in dollari, con un calo del 22% rispetto alla popolazione HNWI del 2013.

Tuttavia, come sottolinea il Dr. José Caballero, Economista Senior presso l’IMD World Competitiveness Center in Svizzera, “i BRICS come organizzazione offrono un insieme di mercati dinamici con sistemi politici relativamente stabili che potrebbero influenzare il futuro dell’economia globale. La forza di queste economie risiede per alcune nel dinamismo dei loro settori di PMI e per altre nell’agilità dei loro sistemi politici. In quanto organizzazione intergovernativa, quindi, i membri del BRICS allargato si completano a vicenda, il che a sua volta garantisce la sostenibilità della loro creazione di ricchezza.”

Previsioni di crescita della ricchezza per i paesi BRICS

Guardando al decennio successivo, quando si parla di proiezioni di crescita della ricchezza privata, l’India guida il gruppo dei BRICS con una previsione di aumento della ricchezza pro capite del 110% entro il 2033. L’Arabia Saudita è al secondo posto con una ricchezza pro capite che si prevede aumenterà di oltre il 105% nei prossimi 10 anni, seguita da vicino dagli Emirati Arabi Uniti con il 95%. La Cina (85%), l’Etiopia (75%), il Sudafrica (60%) e l’Egitto (55%) prevedono una crescita della ricchezza superiore al 50% nel prossimo decennio.

Proiezione della ricchezza nei BRICS – Fonte: New World Wealth

Ma, come avverte il dottor Robert Mogielnicki, Senior Resident Scholar presso l’Arab Gulf States Institute di Washington, “i nuovi Paesi mediorientali membri dei BRICS non rappresentano un gruppo omogeneo. Questi Paesi presentano condizioni economiche divergenti: L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti godono di economie solide, mentre l’Egitto e l’Iran devono affrontare sfide economiche sistematiche. Esistono inoltre notevoli differenze nelle rispettive posizioni di ciascun Paese nell’ordine internazionale e nel modo in cui gli attori governativi di alto livello perseguono gli interessi politici e diplomatici sulla scena mondiale“.

Le 10 città più ricche dei BRICS

La Cina detiene cinque delle 10 città più ricche del gruppo, con la sua capitale Pechino che si è assicurata il primato di città più ricca dei BRICS, ospitando 125.600 milionari, tra cui 347 centomilionari e 42 miliardari. La segue a ruota Shanghai, con 123.400 HNWI residenti, di cui 322 centenari e 39 miliardari. Le altre tre città cinesi che entrano nella Top 10 sono Shenzhen (quinta con 50.300 milionari), Hangzhou (sesta con 31.600) e Guangzhou ( nona con 24.500).

Gli Emirati Arabi Uniti e l’India hanno due città ciascuno nella Top 10. Dubai è al terzo posto, all’altezza della sua reputazione di “Città d’oro”, con 72.500 milionari che ne fanno la loro casa, di cui 212 centi-milionari e 15 miliardari, mentre Abu Dhabi si colloca al decimo posto con 22.700 milionari residenti (di cui 68 centesimi e 5 miliardari).Mumbai, la più grande megalopoli indiana e centro finanziario de-facto, si colloca al quarto posto con 58.800 milionari residenti (tra cui 236 centesimi e 29 miliardari) e la sua capitale nazionale Delhi si colloca al settimo posto (ospita 31.000 milionari, tra cui 123 centesimi e 16 miliardari) davanti a Mosca all’ottavo posto (30.300 milionari, con 207 centesimi e 23 miliardari).

La capitale della Federazione Russa è l’unica città della Top 10 con una popolazione milionaria in calo nell’ultimo decennio. Mosca ha registrato un calo del 24% degli HNWI, mentre le altre città più ricche dei BRICS hanno tutte goduto di una crescita significativa della ricchezza privata, compresa tra il 75% (Abu Dhabi) e – nel caso di Shenzhen – un sorprendente 140% di milionari in più rispetto al 2013.

I poli di ricchezza del futuro dei BRICS

Secondo i dati esclusivi del BRICS Wealth Report, ci sono cinque città che non sono entrate nella classifica delle 10 città più ricche dei BRICS per il 2024, ma che si prevede registreranno una crescita della ricchezza particolarmente forte (oltre l’80%) nel prossimo decennio.

Nuove città ricche nel futuro – Fonte: New World Wealth

Bengaluru, soprannominata la “Silicon Valley dell’India” per il suo settore tecnologico in forte espansione, ospita attualmente circa 13.200 milionari e si prevede che questo numero raggiungerà oltre 30.000 entro il 2033, rendendola una delle città in più rapida crescita del blocco BRICS, con una previsione di crescita della ricchezza del 125% nei prossimi 10 anni.

Il responsabile della ricerca di New World Wealth, Andrew Amoils, afferma che anche Sharjah negli Emirati Arabi Uniti e le saudite Riyadh e Jeddah sono città da tenere d’occhio. “Nonostante rappresenti una ricchezza privata di gran lunga inferiore a quella di Dubai e Abu Dhabi, la popolazione milionaria di Sharjah sta crescendo a un ritmo leggermente superiore a quello di queste due città in termini di crescita percentuale. Attualmente nell’emirato vivono 4.100 HNWI e si prevede che questo numero raggiungerà oltre 9.000 entro il 2033, con una crescita del 120%. Allo stesso modo, Gedda e la capitale saudita Riyadh sembrano destinate a godere di un boom milionario, con tassi di crescita del 100% e del 90% previsti nel prossimo decennio“.

Amoils aggiunge che anche la “Città Madre” del Sudafrica, Città del Capo, è destinata a vedere un afflusso di residenti HNW, con la sua attuale popolazione di 7.400 milionari destinata a crescere dell’85% nei prossimi 10 anni, fino a raggiungere i 13.500 nel 2033.

La mancanza di mobilità economica dei BRICS

Anche se i Paesi BRICS controllano oggi una quota del PIL mondiale PPP superiore a quella del G7, i loro cittadini hanno una mobilità economica significativamente inferiore rispetto a quelli che risiedono nelle economie più avanzate. Secondo l’Henley Passport Power Index, la percentuale media del PIL mondiale a cui i titolari di passaporto dei Paesi BRICS possono accedere senza visto è solo del 21%, rispetto a quelli dei Paesi del G7 che, collettivamente, hanno accesso in media a oltre l’80% del PIL mondiale senza bisogno di un visto.

Dominic Volek, Group Head of Private Clients di Henley & Partners, afferma che l’allargamento della comunità dei BRICS creerà nuove opportunità nel settore della migrazione per investimenti, “sia per gli investitori che cercano un maggiore accesso agli Stati membri dei BRICS, sia per coloro che, all’interno dei Paesi BRICS, cercano di migliorare il loro accesso globale e il loro potere di passaporto. I programmi di residenza e/o cittadinanza per investimento possono svolgere un ruolo trasformativo nell’attrarre capitali e talenti privi di debito e nel promuovere un ecosistema più interconnesso e potente“.

Di Andrea Forni

Co-founder di questo sito. È autore e coautore di libri e analisi sui temi dell'economia, della finanza e dei megatrend oltre a centinaia di articoli pubblicati dal 1989 a oggi da primarie riviste, quotidiani e siti tra i quali: Borsa & Finanza, Advisor, Trader's Magazine, Bollettino Associazione Banche Popolari, Sf Rivista di Sistemi Finanziari, Parabancaria, ITForum News. E' iscritto all'OCF (Organismo dei Consulenti Finanziari) e detiene la certificazione internazionale IFTA CFTe.

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!