Il lockdown ha intensificato alcuni dei trend già in atto in Cina. Uno di questi riguarda i consumi. Gli acquisti online sono balzati durante la fase di chiusura per pandemia e non accennano ora a calare. Segno di un nuovo modo di “comprare”.
Ma, accanto a questo, vi sono milioni di consumatori che quest’anno non andranno all’estero per viaggi di lavoro, istruzione, vacanze, ma rimarranno nel Paese. In precedenza, la spesa per i viaggi e l’istruzione all’estero ammontava a 260 miliardi di dollari all’anno – calcolano da Fidelity – Ora, sulla scia dell’epidemia di Covid-19, una parte di questi soldi viene invece incanalata nell’economia nazionale. Questo consumo riallocato potrebbe ammontare a circa 150 miliardi di dollari quest’anno e a 100 miliardi di dollari in ciascuno dei prossimi tre anni.
Ecco alcuni dei comparti che beneficeranno di questi flussi di denaro che rimarranno in patria.

Viaggi. L’alternativa più ovvia è di esplorare i luoghi più vicini a casa. Operatori turistici e di viaggi come Trip.com o Meituan segnalano già come la ripresa del business nazionale sia molto più forte di quella dei viaggi all’estero.

Istruzione. La spesa per l’istruzione è tra le ultime voci che le famiglie cinesi ridurranno in tempi difficili. L’accelerazione dell’istruzione online, insieme al riavvio delle lezioni offline, dovrebbe contribuire a compensare la debolezza del business della preparazione ai test all’estero. I bambini delle famiglie della classe media superiore in precedenza amavano andare all’estero durante l’estate per campi speciali o altri studi, quest’anno molti proseguono gli studi in Cina, dove la maggior parte delle lezioni in presenza è ripresa.  Nel frattempo, poiché alcuni centri di tutoraggio offline hanno cessato l’attività, i leader online guadagneranno probabilmente un’ulteriore quota di mercato. C’è ampio spazio per il consolidamento se pensiamo che gli unici due player nazionali, TAL Education e New Oriental, rappresentano collettivamente meno del 6% del mercato del tutoraggio in Cina.

Consumi. Da anni i consumi cinesi interni sono in crescita in diverse categorie di prodotti di consumo, grazie alla crescente classe media e alla crescente urbanizzazione. La riallocazione della spesa, che si è concentrata soprattutto tra gli individui più ricchi, sta dando un ulteriore impulso ai prodotti di fascia più alta. Man mano che i cinesi diventano più istruiti e più benestanti, la loro fiducia nei prodotti del loro paese aumenta rispetto a uno o due decenni fa. Le aziende cinesi sono state anche più veloci degli attori stranieri nell’adattarsi al cambiamento dei gusti e delle esigenze locali, ad esempio utilizzando canali di vendita online come lo streaming in diretta. Alcune considerazioni per i clienti sono diventate più importanti nel contesto della pandemia globale, in particolare l’attenzione alla qualità e all’assistenza post-vendita, portando l’equilibrio verso i marchi locali.

Auto. Per l’industria automobilistica, la ripresa è stata limitata al segmento premium. Negli ultimi 5-10 anni i marchi nazionali hanno recuperato in termini di qualità rispetto ai concorrenti stranieri. I marchi giapponesi e tedeschi hanno sempre fatto bene in termini di qualità dei prodotti, ma sono rimasti indietro nel fornire funzioni innovative. Alcuni marchi locali sono stati scelti per queste funzioni intelligenti e innovative, mentre i marchi globali sono stati più lenti nel lanciarle.