Secondo la recente analisi prodotta da Rahul Bhushan, co-founder di Rize ETF, nel mese di aprile gli afflussi sugli ETF tematici sono stati dominati dal tema Robotica, Automazione e IA, che con 195 milioni di dollari ha rappresentato oltre la metà (55%) della domanda totale di ETF tematici nel mese (358 milioni). Riteniamo che ciò sia in parte attribuibile all’attenzione per le applicazioni dell’IA scatenatasi quest’anno, che ha portato una certa dose di hype e il rischio di una sopravvalutazione dei titoli azionari legati a questo tema. Al secondo posto troviamo i Beni di lusso (53 milioni): si tratta di un tema che ha visto afflussi consistenti ogni mese di quest’anno, soprattutto per le caratteristiche di resistenza alla recessione di alcune delle società che ne fanno parte.

I primi 10 fondi tematici ad aprile per inflow – Fonte: Rize ETF

Per quanto riguarda i deflussi, ad aprile il tema Veicoli elettrici e Batterie risulta il peggiore con -163 milioni di dollari. Un dato forse sorprendente, se si considera che l’amministrazione Biden ha annunciato ulteriori iniziative per sostenere la transizione USA verso i veicoli elettrici, con la EV Acceleration Challenge. È possibile che gli investitori abbiano preso profitto su questo tema dopo che i prezzi di molti titoli hanno raggiunto i massimi a inizio febbraio, a seguito del rally scatenato dall’approvazione dell’Inflation Reduction Act.

Deflussi degni di nota, in aprile, anche sul tema Cybersecurity (-108 milioni). In questo senso, riscontriamo una curiosa divergenza: nei primi due mesi dell’anno, la performance della maggior parte degli indici di cybersecurity è stata in linea con il Nasdaq 100. Tuttavia, da inizio marzo il Nasdaq 100 ha registrato un’impennata, mentre le valutazioni del settore cybersecurity sono scese. Questo nonostante nelle ultime trimestrali l’84% delle aziende di sicurezza informatica abbia superato le previsioni degli analisti sugli utili, e il settore stia ancora crescendo a ritmi impressionanti. La cybersecurity è rimasta immune anche alle ondate di licenziamenti nel settore tech americano, che da inizio 2023 hanno superato quota 130mila lavoratori. Inutile dire che le valutazioni relative rispetto al Nasdaq 100 appaiono interessanti.

Allargano lo sguardo, dall’inizio dell’anno i flussi continuano a essere dominati da tre temi, che rappresentano complessivamente il 68% di tutti gli afflussi: oltre a Robotica, automazione e IA (352 milioni di dollari) e Beni di lusso (211 milioni di dollari), si aggiunge al terzo posto l’Economia circolare (160 milioni di dollari).

I primi 10 fondi tematici YTD per inflow – Fonte: Rize ETF

Continua dunque la tendenza degli investitori green a cercare temi diversi da quello della sola energia pulita. A trainare questo interesse sono programmi governativi sia in Europa che negli Stati Uniti, come l’Inflation reduction Act, grazie al quale diverse società hanno scelto di accelerare i nuovi progetti (ad esempio First Solar, Li-Cycle), e grazie al quale anche alcune società non statunitensi (come Fluence Energy o Ecopro) hanno domiciliato negli Stati Uniti nuove operazioni proprio per beneficiare degli incentivi.

DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.


error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!