Tempo di lettura stimato: 8 minuti

Oggi siamo lieti di ospitare questa ricchissima analisi di Luisa Florez, responsabile della ricerca per la finanza sostenibile di OFI AM che ci spiega come la guerra in Ucraina ci stia facendo vedere molti tipi di rischi extra-finanziari derivanti dalle sfide ESG.

Compilando e analizzando le registrazioni delle controversie degli emittenti, il team SRI di OFI Asset Management ha identificato quattro tipi di rischi extra-finanziari ai quali gli emittenti sono esposti e sui quali si basa per monitorare le pratiche degli emittenti europei che operano in Russia.

Luisa Florez – Fonte: OFI AM

Il capitale umano dell’azienda

Il primo rischio riguarda il capitale umano dell’azienda. In particolare, per quanto riguarda il rispetto dei diritti fondamentali dei dipendenti e dei fornitori che operano in Russia. Il nostro ruolo di investitori è quello di assicurarci che le aziende attuino tutta la due diligence necessaria per garantire il rispetto di questi diritti e prevenirne la violazione.

Nel 2017, la Francia ha approvato una legge sulla due diligence il cui scopo era di rimettere il rispetto dei diritti umani tra le preoccupazioni principali delle imprese multinazionali. Essa impone loro di stabilire e pubblicare un piano di due diligence per prevenire i rischi ambientali, di diritti umani e di corruzione nelle loro attività e in quelle delle loro filiali, sia in Francia che altrove.

Per citare un esempio, TotalEnergies è stata chiamata in causa in diverse occasioni da ONG come Greenpeace, Friends of the Earth e Sherpa per le sue operazioni in Myanmar e i suoi legami con la giunta birmana; così come per le violazioni dei diritti umani, tra cui espropriazioni forzate, intimidazioni e danni ambientali in un progetto petrolifero in Uganda. Per quanto riguarda il conflitto in Ucraina, abbiamo interrogato questi emittenti sulle loro politiche di due diligence, al fine di monitorare le loro azioni nelle prossime settimane.

Il rischio derivante dalla corruzione

Il secondo rischio legale accresciuto deriva dalla corruzione. La Russia è già esposta a questo rischio e viene criticata per gli stretti legami esistenti tra gli uomini d’affari e il governo, l’esercito e alcuni politici. L’attuale conflitto sta sollevando il timore che le imprese che operano in Russia si dedichino alla corruzione per poter continuare ad esercitare le loro attività. In passato, ci sono stati diversi esempi di aziende le cui pratiche sono state criticate in situazioni di conflitto. Uno di questi è stato Lafarge, un produttore di cemento perseguito per complicità in crimini contro l’umanità per aver stipulato accordi finanziari con lo Stato Islamico, un’organizzazione terroristica, e con mercanti legati allo Stato Islamico, per poter continuare a produrre e vendere cemento in Siria nel 2014. Più recentemente, il 27 febbraio 2022, il quotidiano francese Le Monde ha pubblicato i risultati di un’inchiesta del Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (ICIJ), sul coinvolgimento del gigante svedese delle telecomunicazioni Ericsson* in casi di corruzione, concussione e conflitti di interesse, soprattutto in Iraq.

Se ti piace il nostro lavoro, ti chiediamo una donazione per contribuire alle spese di gestione del sito e farlo restare senza pubblicità anche nel 2022. CLICCA SUL BOTTONE PER ANDARE ALLA PAGINA SICURA PAYPAL. GRAZIE!

La reputazione aziendale

Il terzo rischio riguarda la reputazione che può compromettere l’immagine del marchio di un’azienda. Il 17 marzo 2022 il gigante agroalimentare Nestlé è stato oggetto di una virulenta campagna sui social media che invitava a boicottare i suoi prodotti.

Questo è avvenuto dopo che il presidente e amministratore delegato Mark Schneider ha annunciato che il gruppo non si sarebbe ritirato dalla Russia e avrebbe continuato a fornire prodotti “essenziali”, come gli alimenti per bambini e gli animali domestici.

Il gruppo Mulliez, fortemente presente in Russia attraverso le catene Auchan, Leroy Merlin e Decathlon, è stato oggetto di campagne simili. Tale rischio, che a questo punto è reputazionale, potrebbe avere un impatto negativo a breve termine sui franchising e, a lungo termine, diventare un rischio legale se un giorno la Corte penale internazionale perseguisse la Russia per crimini di guerra.

Al contrario, le prime aziende che hanno annunciato di ritirarsi dalla Russia hanno rafforzato la loro immagine e credibilità in termini di responsabilità sociale. È il caso di Carlsberg, che ha annunciato di mantenere un livello ridotto di operazioni in Russia in modo che i suoi 8400 dipendenti possano continuare a percepire uno stipendio.

Tutti i profitti generati durante la crisi umanitaria saranno donati alle organizzazioni di soccorso. Carlsberg ha anche parlato contro l’invasione russa e ha installato un rifugio vicino al confine per i suoi dipendenti e le loro famiglie.

La mancanza di trasparenza

E infine c’è il rischio di opacità, dovuto alla mancanza di trasparenza e di informazioni disponibili per valutare le sfide ESG delle aziende. All’inizio di marzo, MSCI, un fornitore di dati ESG, ha applicato un rating ESG massimo di “B” (su una scala da AAA a C) alle società russe coperte dai suoi rating.

Le aziende già classificate “B” o “CCC” avrebbero mantenuto il loro rating, ma tutte le altre sarebbero state declassate. A parte i rating ESG, i rating delle agenzie europee sono stati vietati. Tra le sanzioni adottate il 15 marzo 2022 dagli Stati membri dell’Unione europea c’è un “divieto di valutazione della Russia e delle società russe da parte delle agenzie di rating dell’UE e la fornitura di servizi di rating ai clienti russi, il che porterebbe a perdere ulteriormente l’accesso ai mercati finanziari dell’UE”.

Di conseguenza, quando interroghiamo gli emittenti presenti in Russia, valutiamo la loro responsabilità sociale in base alla loro capacità di rispondere e ridurre al minimo queste quattro categorie di rischio.

Tradizionalmente, le aziende che operano in paesi in cui i diritti umani non sono rispettati (ad esempio, regimi non democratici e zone di conflitto) hanno un livello più elevato di rischio ESG.

Questo è il caso, per esempio, delle aziende in settori come quello minerario, agroalimentare, che affrontano notevoli sfide sociali e societarie, tra cui lo spostamento della popolazione, il mancato rispetto dei diritti delle popolazioni locali, condizioni di lavoro pericolose, mancanza di libertà sindacali, danni alla biodiversità, agli ecosistemi e alla vita locale, lavoro minorile, lavoro forzato, pratiche dannose di sicurezza sul lavoro, ecc.

Le aziende presenti in Russia saranno oggetto di una maggiore Due Diligence da parte dei team SRI di OFI AM.

La tabella dei rischi e delle opportunità

Concludendo, a livello settoriale e sulla base del conflitto in corso, abbiamo identificato alcuni potenziali rischi e opportunità ESG per la finanza sostenibile a medio e lungo termine (vedi tabella seguente).

 RISCHIOPPORTUNITA’CONTROVERSIE
ENERGIAL’attrattiva finanziaria delle compagnie dei mercati emergenti, come Aramco, Pemex e Petrobras, che hanno standard inferiori nella gestione dei rischi ambientali e sociali. Importazioni di gas di scisto statunitense, che peggiorano il divario energetico, a causa del metano.Sviluppo accelerato del carburante sostenibile per l’aviazione. Produzione accelerata di idrogeno verde rispetto all’idrogeno grigio e blu.Dismissione o chiusura di progetti (per esempio, TotalEnergies).
FINANZARischio elevato di riciclaggio di denaro. Con le attuali sanzioni, le banche che non sono in grado di far rispettare le regole di KYC e di trasferimento di capitali sono esposte a rischi reputazionali e finanziari. Questo è il caso delle banche private che facilitano i trasferimenti di ricchezza degli oligarchi presi di mira.  
INDUSTRIAForte dipendenza da metalli come la bauxite (alluminio, lattine, veicoli più leggeri), il palladio (marmitte catalitiche) e il nichel (batterie EV) prodotti dalla Russia. Organizzazione e gestione della produzione “just-in-time”; fabbriche fermate per mancanza di pezzi/inventari, con licenziamenti temporanei in particolare nel settore automobilistico. Prezzi più alti dei metalli di transizione.Accelerazione della tematica dell’efficienza energetica per compensare la diminuzione dei consumi. Delocalizzazione di alcune attività in un perimetro più vicino ai luoghi di produzione e di consumo. Accelerazione dell’economia circolare per compensare le interruzioni nell’approvvigionamento di alcune materie prime.Scandali in alcune aziende che forniscono l’esercito russo. Ora in base alle sanzioni, le aziende che non hanno stabilito controlli saranno soggette a multe.
TECNOLOGIE E TELECOMUNICAZIONICyberattacchi. La maggiore dipendenza dell’Europa dai semi-conduttori asiatici. Censura e accesso limitato a certi siti. Rotture di cavi di fibre ottiche sottomarini.Economia circolare. Sviluppo dell’intelligence open-source (per rintracciare le informazioni). 
SALUTEProblemi di accessibilità, tra cui: – ai farmaci generici: problemi per i produttori di farmaci generici che vogliono penetrare il mercato russo. – alla telemedicina, con un potenziale ostacolo a questa nuova modalità di medicina online quando mancano un facile accesso a Internet e tecnologie informatiche. Stop alla commercializzazione e ai test clinici.
ALIMENTAZIONEForte aumento delle materie prime agricole (grano, mais, oli, ecc.).Attrattiva delle proteine vegetali a causa dei prezzi più alti del grano. Agricoltura sostenibile e uscita dai pesticidi.Criticato per il mantenimento delle operazioni. Necessità di mantenere l’accessibilità ai prodotti di base. Appelli sui social media per il boicottaggio, con impatto sull’immagine della marca.
Tabella di rischio e opportunità – Fonte OFI AM

DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!