Le Nazioni Unite riconoscono le proprietà terapeutiche della cannabis, decretano la riclassificazione e gli investitori festeggiano!

La riclassificazione è stata votata dai Membri della Commissione Droghe di 27 dei 53 Paesi ONU riuniti in consiglio a Vienna il 2 dicembre, come spiega un post pubblicato dalle Nazioni Unite. Questo in virtù dell’utilizzo ai fini medico-scientifici della cannabis.

il voto all’ONU

Ma questo non significa un “via libera” per tutti i suoi usi. La pericolosità rimane, anche se mitigata dall’uso legale della sostanza.

Gli usi legali della cannabis

Nel nostro libro Investire nei megatrend del futuro il tema è ampiamente trattato nel capitolo dedicato ai vizi, sebbene la cannabis entri in prodotti di consumo, vestiti, bevande, cibo e medicinali.

Nell’industria farmaceutica i prodotti a base di cannabis costituiscono un mercato potenziale da quattro miliardi di dollari l’anno. Tra le aziende specializzate c’è la britannica GW Pharmaceuticals che produce il Sativex per il trattamento del dolore nella sclerosi multipla.

Un altro esempio è l’acquisizione due anni fa per 1,8 miliardi di dollari del 45% del capitale del produttore canadese Cronos da parte di Altria Group, azienda americana operante nei settori del tabacco e del Food&Beverage nell’ambito della diversificazione del suo business.

L’indotto della cannabis

La cannabis è una pianta coltivata al chiuso. Pertanto i produttori hanno bisogno delle tecnologie per la coltivazione indoor, come per qualsiasi altro tipo di vegetale. Il valore di mercato di queste tecnologie è previsto crescere fino a 3 miliardi di dollari entro il 2024.

Ovviamente, anche per la coltivazione della cannabis si fa ormai largo uso di informatica, IoT, AI. Ovvero dell’agricoltura di precisione.

Tra fornitori di queste tecnologie quotati in borsa troviamo società specializzate nelle serre climatizzate, fornitori di lampade a LED per la coltivazione indoor, aziende operanti nel vertical farming, e fornitori di algoritmi predittivi e sistemi di monitoraggio per la biosicurezza delle coltivazioni.


Una serra canadese di cannabis – Photo by Richard T on Unsplash

Investire nella cannabis

Sebbene la cannabis ricada sotto il cappello dei cosiddetti Sinful Investments poco (o nulla) etici, secondo la società di analisi ArcView la spesa globale per la cannabis legale può raggiungere i 57 miliardi di dollari entro il 2027 ripartiti tra l’uso ricreativo (67%) e l’uso per altri scopi.

Un comparto che è fiorito negli ultimi anni grazie alla liberalizzazione della coltivazione in alcuni Stati americani e oggi con la decisione delle Nazioni Unite. Il settore si è velocemente arricchito di titoli quotati al Nasdaq, e di Etf. Tra i tanti citiamo il Medical Cannabis and Wellness UCITS ETF (CBDX) quotato dalla piattaforma di Etf white label HANetf.

Infine, per monitorare l’andamento dei produttori possiamo usare il Global Cannabis Stock Index. Si noti in rally dell’indice tra novembre e dicembre in concomitanza con la decisione dell’ONU.

Un anno di Global Cannabis Stock Index

DISCLAIMER
Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori.
Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria.
Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.