Il grande successo di view dell’articolo sull’economia indiana pubblicato il 24 luglio su questo sito ci ha convinto a continuare la narrazione delle opportunità di investimento in questo grande Paese. Oggi vi presentiamo la lunga e dotta analisi di  Avinash Vazirani e Colin Croft, gestori Global Emerging Markets Equities di Jupiter AM, sull’India. La sua economia in rapida crescita potrebbe rappresentare uno spiraglio positivo nel più cupo contesto dell’economia globale.

Introduzione

L’economia indiana è destinata a diventare la terza più grande al mondo con un Pil annuo di 7,5 trilioni di dollari entro il 2031, secondo un recente rapporto pubblicato da Morgan Stanley. Il documento, che ha destato molta attenzione tra gli investitori e i media, ha elencato molti fattori che potrebbero sostenere l’economia del Paese. Questi includono la creazione di un’infrastruttura digitale di prim’ordine, iniziative politiche incentrate sulla produzione e sulla transizione energetica, una forte domanda dei consumatori e capacità per la delocalizzazione.

La Banca Mondiale, nel suo ultimo rapporto sulle “Prospettive economiche globali”, ha affermato che l’India rimarrà tra le economie in più rapida crescita quest’anno. Anche se il resto del mondo è alle prese con condizioni finanziarie molto restrittive e un’inflazione persistente, la più grande economia dell’Asia meridionale dovrebbe espandersi del 6,3% nel 2023, alimentata dalla crescita dei consumi privati e degli investimenti e da un solido settore dei servizi.

Quadro incoraggiante

La Banca Mondiale prevede che l’economia indiana crescerà del 6,4% l’anno prossimo e del 6,5% nel 2025, a fronte di una crescita media del 5,5% nell’ultimo decennio. A maggio, l’indice PMI ha raggiunto il livello più alto in oltre un decennio, sostenuto dalla forte crescita dei nuovi ordini da clienti nazionali e internazionali. Mentre le economie sviluppate stanno combattendo duramente per domare l’inflazione, quella indiana è tornata all’interno della fascia di tolleranza del 2%-6%.

Gli anni del Covid e la conseguente interruzione delle catene di approvvigionamento a causa della rigorosa politica cinese hanno sensibilizzato il mondo alle insidie di affidarsi eccessivamente a solo un Paese. Le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina spingono le aziende a diversificare sempre di più. La “China-Plus-One-Strategy“, in cui le aziende cercano di creare una base produttiva in un altro paese oltre alla Cina, sta iniziando a ricevere molta attenzione da parte degli investitori.

La crescita degli investimenti in India è evidente. Gli investimenti diretti esteri annuali sono cresciuti da 3,6 miliardi di dollari di dieci anni fa a 46 miliardi di dollari nell’anno fiscale terminato il 31 marzo 2023. Foxconn, il più grande produttore a contratto al mondo e fornitore chiave per Apple, prevede di investire circa 1,5 miliardi di dollari in India. Pegatron, un altro fornitore taiwanese di Apple, ha già investito 150 milioni di dollari nella produzione in India ed è in trattative per aprire un’altra struttura. A seguito di un incontro con il primo ministro Narendra Modi durante la sua visita di stato negli Stati Uniti, il CEO di Tesla Elon Musk ha dichiarato che la casa automobilistica elettrica sarà in India “non appena umanamente possibile”.


TI PIACE IL SITO e il suo DATABASE?

Se ti piace il sito e lo trovi utile, prima di continuare la lettura, aiutaci in questo progetto di educazione finanziaria con una piccola donazione per coprire le spese di gestione e mantenere il sito senza pubblicità. Clicca sul bottone o su questo link. GRAZIE!


Produzione, strade, compagnie aeree

Sebbene lo status dell’India come centro per la delocalizzazione sia ben noto, il programma di incentivi del governo da 26 miliardi di dollari per la produzione sta dando slancio al settore manifatturiero. Il piano, che copre 14 settori tra cui farmaci e prodotti farmaceutici, industrie di trasformazione alimentare e apparecchiature mediche, elettronica e comunicazioni, sta contribuendo ad attrarre investimenti esteri diretti. Questa politica del governo sta aiutando l’India a risalire la catena del valore, esportando prodotti a più alto valore aggiunto anziché merci tradizionali.

Alla base della crescita nel settore manifatturiero c’è un’imposta nazionale su beni e servizi, introdotta più di cinque anni fa per sostituire una complessa rete di tasse statali e locali. Si prevede che il taglio dell’aliquota effettiva dell’imposta sulle società dal 34,9% di quattro anni fa al 25,2% darà impulso alla crescita e ai profitti. Annunciata anche un’aliquota speciale ridotta del 17% per le nuove imprese manifatturiere. Si stanno compiendo rapidi progressi anche nella costruzione di strade, sostenuti da tasse straordinarie. Il governo ha costruito una media di circa 24 chilometri di strada al giorno e si propone di aumentare il ritmo a 34 chilometri nel 2024, con l’obiettivo di completare 12.500 chilometri di rete stradale l’anno prossimo.

L’ottimismo che circonda le prospettive dell’India non è infondato ed è guidato da una forte domanda dei consumatori da parte di una classe media in espansione e di una popolazione con un’alta percentuale di giovani. Ne sono un esempio i massicci ordini di aeromobili effettuati dalle compagnie aeree indiane. IndiGo ha recentemente effettuato un ordine per 500 aerei a fusoliera stretta da Airbus, il più grande nella storia dei produttori di aeromobili. Questa notizia è arrivata dopo l’annuncio di Air India di ordini per 470 jet Boeing e Airbus.

Rivoluzione digitale

I numeri sono ancora più sbalorditivi se si guardano le transazioni generate ogni giorno sotto la United Payment Interface (UPI), un sistema di pagamento seamless che collega banche, commercianti e consumatori attraverso dispositivi mobili. L’UPI è parte di un modello unico per la digitalizzazione dell’economia, all’interno della piattaforma pubblica IndiaStack.

I numeri del servizio di identità digitale di IndiaStack – Fonte: sito IndiaStack

L’India ora gestisce più pagamenti in tempo reale tra imprese rispetto a qualsiasi altro paese, rappresentando oltre il 40% di tali pagamenti in tutto il mondo, secondo il rapporto Morgan Stanley. Il numero di transazioni ha raggiunto i 9,4 miliardi nel maggio 2023, quasi quattro volte il volume generato due anni fa. Il Boston Consulting Group, in un rapporto, prevede che entro il 2027 il mercato indiano dei pagamenti digitali triplicherà, arrivando a 10 trilioni di dollari.

La Open Network for Digital Commerce (ONDC) è un’altra piattaforma che fa parte di IndiaStack che cerca di promuovere l’e-commerce, e persino Amazon si impegnerà a unirsi alla rete. Riteniamo che attraverso questa iniziativa il governo stia democratizzando il commercio digitale abbattendo le barriere e creando alternative alle piattaforme di ricerca di affitto.

Sfide: politica, geopolitica e cambiamento climatico

Potrebbero esserci anche venti contrari in questa storia. Una tesa situazione di stallo con la Cina su una lunga disputa sul confine potrebbe intensificarsi e costringere il governo a dirottare risorse per rafforzare le difese del Paese. Anche gli alti prezzi del petrolio dovuti a un contesto geopolitico incerto potrebbero danneggiare la crescita del Paese, che dipende dalle importazioni per circa l’80% del suo fabbisogno energetico.

L’India ha goduto di stabilità politica negli ultimi dieci anni grazie alla maggioranza di cui gode il Bharatiya Janata Party di Modi. Ciò potrebbe cambiare se le elezioni nazionali del prossimo anno lanciassero un governo di coalizione, che potrebbe rallentare il ritmo del processo decisionale. Tuttavia, è importante ricordare che le riforme avviate nel 1991 non si sono fermate nemmeno quando la scena politica era dominata dal governo di coalizione negli anni ’90 e 2000.

Il rapido cambiamento dei fenomeni meteorologici potrebbe essere un’altra sfida e potrebbe incidere sul settore agricolo indiano. Oltre il 50% della popolazione indiana dipende dall’agricoltura, sebbene contribuisca solo per un sesto alla produzione complessiva. La minore produzione agricola può intaccare la domanda rurale e rallentare la crescita.

Ben posizionata

Anche così, riteniamo che le prospettive dell’India siano molto più brillanti di quanto non siano mai state. Il potere di combinare a un tasso elevato su una base elevata significa che l’India sarà una delle sole tre economie al mondo in grado di generare oltre 400 miliardi di dollari di crescita della produzione economica annuale dal 2023 in poi, secondo Morgan Stanley. Una combinazione di spese in conto capitale da parte del governo e del settore privato, dati demografici favorevoli, iniziative per potenziare le infrastrutture sia fisiche che digitali, una forte domanda dei consumatori e la necessità di diversificare lontano dalla Cina sono forti venti favorevoli per l’economia indiana nei prossimi anni. Siamo molto ottimisti per le prospettive dell’India, a partire da ora.

Foto di copertina di Jeswin Thomas: https://www.pexels.com/it-it/foto/moschea-1007426/

DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.


error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!