Segnalo un’interessante analisi della crescita dei servizi in cloud di Amazon (AWS) pubblicata dal sito americano Seeking Alpha.

In questa lunga e dettagliata analisi Andrew Sather spiega che gran parte degli analisti ha sottostimato gli sviluppi recenti del segmento di business AWS di Amazon, in particolare a riguardo gli avanzamenti tecnologici che permetteranno ad Amazon di aumentare la vita utile dei suoi server AWS da 3 a 4 anni. Questo fattore aggiungerà 2,3 miliardi di dollari di utile operativo per il 2020 al di fuori della sua crescita organica, tanto che, secondo l’analista, le proiezioni di una crescita del 25% del reddito operativo nei prossimi 10 anni per AWS potrebbero effettivamente essere (fin troppo) prudenti.

L’avanzamento tecnologico di Amazon mette sempre più a rischio la supremazia di Intel (con i suoi chip X869 e del rivale AMD. Ricordo anche che Intel è già sotto pressione per l’attacco tecnologico di Nvidia (NVDA), che da produttore di schede grafiche si è trasformato dal 2015 in leader dell’AI e in produttore di chip sempre più sofisticati.

Che la situazione di Intel (INTC) non sia più rosea è chiara al primo sguardo del suo grafico ventennale (qui sotto) che mostra un titolo che è riuscito a superare il massimo storico del 1999 e soprattutto che non si è ancora ripreso dal crollo legato al Covid-19.

grafico ventennale a candele mensile di Intel

E’ anche interessante vedere la situazione di breve termine con il grafico a candele giornaliere qui sotto. Si noti il recente gap down e la formazione di una Island reversal vicino al minimo di marzo 2020 con il Death Cross delle medie a 200 e 50 periodi…

grafico giornaliero di Intel

Tutta un’altra storia per Nvidia, che invece galoppa felice su massimi storici grazie alla posizione di leadership tecnologica che ha acquisito in questi ultimi 5 anni come mostra il grafico sotto. Si noti che il prezzo del titolo ha formato un lunghissimo triangolo tra il 2008 e il 2015 sui minimi per poi esplodere in una curva parabolica che non accenna a fermarsi.

grafico ventennale di Nvidia

E infine vediamo Amazon. Chi l’avrebbe detto che oggi sarebbe arrivata così in alto, quando nel 1999 molti analisti la davano per spacciata? Era una società che vendeva libri e non faceva utili, e valeva un paio di dollari nel 1998. Era arrivata a 110 USD nella bolla delle dot-com per poi tornare a 6 USD con lo scoppio della bolla stessa quando il 99% dei suoi investitori l’aveva liquidata con grandi perdite. L’avessero tenuta…

grafico ventennale di Amazon

Per chi volesse leggere l’articolo in inglese pubblicato sul sito Seeking Alpha basta cliccare su questo link e si aprirà in altra pagina del browser.

QUESTE ANALISI SI RIFERISCONO A OPERAZIONI ESEGUITE IN PASSATO E HANNO SOLO UNO SCOPO DIDATTICO PER DIMOSTRARE L’UTILIZZO DELLE METODOLOGIE DI ANALISI DESCRITTE NEL LIBRO “LA RUOTA DEI MERCATI FINANZIARI”. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SI LEGGA IL DISCLAIMER IN FONDO ALLA PAGINA.

Di Amazon, Nvidia, Intel e di tanti altri titoli tecnologici parliamo diffusamente nel nostro nuovo libro.

Il nuovo libro Investire nei megatrend del futuro descrive gli scenari di investimento legati ai megatrend, quelle grandi trasformazioni sociali che nel lungo periodo cambiano in modo sostanziale la società, la vita delle persone e il modo in cui i diversi attori economici producono e scambiano beni e servizi.

Identificare in anticipo questi potenziali cambiamenti strutturali e investire nelle trasformazioni in essere è determinante per posizionare i portafogli su opportunità di crescita a lungo termine.

Il volume, con un linguaggio accessibile anche ai “non addetti ai lavori”, conduce un’analisi approfondita delle varie trasformazioni in atto, individuando i settori industriali che possono sfruttare al meglio queste tendenze.

I due autori presentano 20 scenari d’investimento e analizzano, sotto il profilo economico-finanziario, oltre 400 società quotate, fondi, ETF e certificati al fine di costruire adeguati portafogli tematici, adatti a tutti gli investitori.


DISCLAIMER
Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori.
Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria.
Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.