Tempo di lettura stimato: 9 minuti

Introduzione

Una tendenza sta conquistando il mondo: l'”iniezione per perdere peso”. Elon Musk ha ammesso di essere dimagrito con l’aiuto dell’Ozempic e sembra che anche Kim Kardashian l’abbia fatto. Su Tik Tok l’hashtag #Ozempic è diventato virale. Si tratta di un farmaco per il diabete che viene spesso – in maniera inappropriata – utilizzato anche per dimagrire.

Sempre più persone, infatti, vorrebbero ricorrere al farmaco in questione per perdere velocemente peso, anche senza soffrire di specifiche patologie, e questo sta generando un clamore enorme intorno ad esso. Basti pensare che le aziende farmaceutiche non riescono più a tenere il passo con la produzione di farmaci contro il diabete e l’obesità. E il mercato azionario non è rimasto indifferente a questa tendenza.

Si stima che questo mercato raggiungerà i 100 miliardi di dollari entro il 2030 e le valutazioni di Novo Nordisk ed Eli Lilly riflettono tali attese. Quali potranno essere gli impatti anche su altri settori e le sfide di questo megatrend?

Per rispondere a questa domanda ospitiamo Sebastian Hofbeck, di DJE Kapital AG, sulle potenzialità degli investimenti nelle società produttrici di farmaci contro l’obesità e le malattie ad essa collegate.

Che effetto hanno i farmaci GLP-1 su chi li assume?

Solo Wegovy di Novo Nordisk (in Europa e negli USA) e Zepbound di Eli Lilly (negli USA) sono al momento autorizzati anche per il trattamento dell’obesità. Entrambi i farmaci vengono iniettati sottopelle una volta alla settimana dal paziente con una siringa pre-confezionata.

Wegovy ha un costo di circa 328 euro al mese in Germania, mentre il prezzo di listino negli Stati Uniti è di 1.350 dollari al mese, sebbene questo prezzo venga raramente pagato negli Stati Uniti. Entrambi i farmaci sono ufficialmente approvati per pazienti adulti con un indice di massa corporea (BMI) pari o superiore a 30 (per un uomo di altezza media -1,79 m-, ciò corrisponde a un peso corporeo di almeno 96 kg), e per pazienti adulti con almeno una malattia concomitante legata al peso e con un BMI pari o superiore a 27.

Come Ozempic, approvato per il trattamento del diabete di tipo 2, Wegovy contiene semaglutide, che è una molecola che fa parte della categoria degli agonisti del recettore GLP-1.

E come l’ormone GLP-1 proprio dell’organismo, presente nell’intestino, Wegovy aumenta la quantità di insulina rilasciata nel pancreas. L’insulina favorisce, come è noto, l’assorbimento del glucosio dal sangue, contribuendo a controllarne i livelli di zucchero. Il principio attivo agisce anche a livello cerebrale.

Questo attiva le aree neuronali responsabili della regolazione della fame. Negli studi condotti finora, entrambi i farmaci hanno mostrato elevati tassi di riduzione del peso (dal 15 al 22% dopo 68-72 settimane). Tuttavia, ulteriori studi hanno dimostrato che si verifica una ripresa di peso dopo l’interruzione del farmaco. Il che suggerisce che il farmaco debba essere assunto a lungo termine per avere un effetto duraturo.

Un altro problema molto discusso dei farmaci GLP-1 è quello degli effetti collaterali. L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) elenca mal di testa, nausea, vomito, diarrea, costipazione e dolore addominale come effetti collaterali molto comuni. Altri effetti collaterali gravi, come l’infiammazione del pancreas o della cistifellea e i calcoli biliari, possono verificarsi in casi isolati. Inoltre, i media riferiscono ripetutamente di pensieri suicidi tra gli utilizzatori. Questo aspetto è attualmente oggetto di indagine da parte dell’EMA.

L’azione fisiologica del glucagon-like peptide-1 (GLP-1) – Fonte: Wikipedia, pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 

L’obesità è una malattia di “proporzioni epidemiche”

Più di 650 milioni di persone nel mondo convivono con l’obesità (BMI ≥ 30). L’OMS afferma che l’obesità ha raggiunto “proporzioni epidemiche”. Si stima che più di un miliardo di persone soffrirà di obesità entro la fine del decennio. Ma contrariamente a quanto si crede, l’obesità non è il risultato di una mancanza di autocontrollo. Secondo il Professor John Wass dell’Università di Oxford, l’appetito e la sazietà sono ereditari e il 70% del peso corporeo è genetico; per questo motivo ha senso trattare l’obesità come una malattia cronica e intermittente.

Secondo le stime del World Obesity Atlas 2023, l’impatto economico dell’obesità, che include sia gli effetti indiretti che i costi medici diretti, nel 2020 ammontava a poco meno di duemila miliardi di dollari, pari a circa il 2,4% del prodotto interno lordo globale. Entro il 2035, si prevede che questi saliranno a oltre 4.000 miliardi di dollari (circa il 3% del PIL mondiale). Ciò mette in luce l’incredibile potenziale di questi farmaci che curano il diabete e l’obesità. Gli analisti di diverse banche d’investimento stimano un mercato potenziale di quasi 100 miliardi di dollari entro il 2030, mentre altri ritengono che la cifra sia ancora più elevata.

Fonte: World Obesity Atlas 2023

L’impatto sul settore healthcare e su altri settori

Spesso i pazienti soffrono anche di malattie concomitanti, tra cui depressione, Alzheimer, apnea notturna, insufficienza cardiaca o insufficienza renale cronica. Sia Eli Lilly che Novo Nordisk stanno testando i principi attivi alla base dei loro farmaci su alcune di queste patologie. Recentemente, Novo Nordisk ha ottenuto risultati positivi negli studi sulle malattie cardiovascolari (studio SELECT) e sull’insufficienza renale cronica (studio FLOW). Risultati positivi che incrementano il campo di applicazione dei farmaci e il mercato a cui si rivolgono, con conseguenti ripercussioni sui prezzi delle azioni. Così come, al contrario, i prezzi delle azioni delle società che andrebbero a perdere a seguito dell’introduzione dei farmaci GLP-1 hanno subito forti cali.

Ne è un esempio un fornitore di dispositivi per il monitoraggio del glucosio tissutale, che è sceso del 9% il giorno della pubblicazione dello studio positivo SELECT, poiché il mercato ha ipotizzato che in futuro saranno necessari meno dispositivi di questo tipo. Nel complesso, l’azienda ha perso il 40% della sua capitalizzazione di mercato nel giro di poche settimane. Alcuni operatori di dialisi hanno subito un destino simile perdendo quasi il 17% il giorno in cui è stato pubblicato lo studio FLOW, poiché anche in questo caso gli investitori hanno ipotizzato che in futuro ci saranno meno pazienti che necessiteranno di dialisi.

Da un lato, queste fluttuazioni di prezzo delle azioni sono comprensibili, in quanto il prezzo delle azioni riflette le aspettative sul futuro sviluppo commerciale di un’azienda. Dall’altro lato, le oscillazioni appaiono esagerate perché non è chiaro, né tantomeno certo, l’impatto sia per il fornitore di sistemi di misurazione del glucosio tissutale sia per gli operatori di dialisi dell’introduzione di questi farmaci. Secondo alcuni operatori di mercato ci potrebbero volere anni prima di vedere che impatto i farmaci GLP-1 avranno sui volumi dei pazienti.

Gli investitori e gli analisti hanno ipotizzato l’impatto dei farmaci GLP-1 anche su altri settori. Uno di questo potrebbe essere quello del food&beverage. Secondo l’amministratore delegato di Walmart, John Furner, si stanno già osservando cambiamenti nel comportamento d’acquisto. A suo avviso, le persone che assumono GLP-1 acquistano meno prodotti e soprattutto meno alimenti ad alto contenuto calorico. Inoltre, gli analisti si aspettano un effetto positivo sull’industria dell’abbigliamento, poiché le persone che perdono peso grazie al GLP-1 hanno necessità di acquistare nuovi abiti.

Il trend è ben noto e sembra essere “in crescita”. Basti pensare che alcune aziende hanno deciso di inserire queste “iniezioni per la perdita di peso” tra i benefit aziendali per i propri dipendenti.

Perché potrebbe essere una bolla

Ormai non esiste o quasi investitore che non abbia investito in Eli Lilly e Novo Nordisk. Gli analisti continuano ad alzare le stime per giustificare nuovi obiettivi di prezzo sempre più elevati. Il “paniere” dei GLP-1 winner, dove le banche d’investimento raggruppano coloro che potenzialmente trarranno beneficio dal trend del GLP-1, ha nettamente superato il “paniere” dei GLP-1 loser negli ultimi mesi. Complessivamente, i guadagni nel settore sanitario degli ultimi anni sono legati principalmente a questi titoli, che hanno reso Eli Lilly la più grande azienda farmaceutica del mondo e Novo Nordisk la più grande azienda europea per capitalizzazione di mercato.

Tuttavia, le due aziende dovranno affrontare anche delle sfide. Una delle più grandi riguarderà la capacità di soddisfare l’enorme domanda. Inoltre, permangono dubbi su quanto a lungo i pazienti continueranno la terapia e su chi ne coprirà i costi. Nell’ultima relazione trimestrale di una delle maggiori compagnie di assicurazione sanitaria degli Stati Uniti è stato sottolineato che i costi dei trattamenti con GLP-1 sono già troppo elevati. È possibile che in futuro vengano coperti solo i costi di singole sottoaree con comprovati benefici aggiuntivi, come le malattie cardiovascolari ad esempio. Inoltre, sempre più concorrenza sta entrando nel mercato. Altre aziende farmaceutiche, come AstraZeneca, stanno studiando farmaci in questo ambito.

È quindi importante che Eli Lilly e Novo Nordisk inizino subito la ricerca sulla prossima generazione di farmaci. Se questi studi non dovessero mostrare l’effetto desiderato, ciò sarebbe molto negativo per le aziende. Tuttavia, il rischio maggiore deriva dai cosiddetti cigni neri, cioè da eventi imprevisti. Se uno dei prossimi studi dovesse rivelare rischi per la sicurezza della salute dei pazienti, ad esempio, questo sarebbe fatale per le aziende stesse.

Il megatrend è già nel portfolio di ognuno

È probabile che questo megatrend si intensifichi ulteriormente. Eli Lilly e Novo Nordisk sono ben posizionate, ma il prezzo dei loro titoli riflette già questa situazione. Per questi titoli, di cui la maggior parte degli operatori di mercato esprime un giudizio e una valutazione positiva, piccole variazioni possono già generare un forte impatto sul prezzo delle azioni. In passato, tuttavia, le grandi battute d’arresto hanno rappresentato delle opportunità di ingresso per nuovi player.

Foto di copertina: Andres Ayrton per Pexels.com: https://www.pexels.com/it-it/foto/donna-senza-volto-non-salutare-corpo-6551059/


TI PIACE IL SITO e il suo DATABASE?

Se ti piace il sito e lo trovi utile, prima di continuare la lettura, aiutaci in questo progetto di educazione finanziaria con una piccola donazione per coprire le spese di gestione e mantenere il sito senza pubblicità. Clicca sul bottone o su questo link. GRAZIE!


error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!