La guerra in Ucraina sta bloccando la produzione e la distribuzione di un ventaglio incredibile di prodotti e materie prime che inizia ad avere ripercussione anche sulle nostre vite di fortunati occidentali.

Ma i danni maggiori la crisi li potrà fare nei Paesi più poveri che dipendono dalle forniture di derrate alimentari provenienti da Russia e Ucraina.

La produzione di beni in Ucraina e Russia

Sia la Russia sia l’Ucraina (a sorpresa per molti di noi, abituati a considerarla un paese povero esportatore di colf e badanti) sono grandi produttori di materie prime industriali, agricole, e loro semilavorati.

Allo scoppio della guerra, per i miei clienti dell’Approfondimento Intermarket Mensile avevo preparato una presentazione che adesso ripropongo in parte anche a voi. Nella figura qui sotto vediamo il confronto demografico ed economico tra i due Paesi in guerra.

Si noti il divario di ricchezza pro-capite, la dimensione dell’export e soprattutto chi sono i principali Paesi importatori: non ci vuole un genio sia per capire la ritrosia della Germania a imporre sanzioni alla Russia sia soprattutto per immaginare dove andranno i beni che la Russia non esporta più in Occidente.

Fonte: Andrea Forni, Approfondimento Intermarket mensile su dati e grafiche tratte dal sito CIA.gov

[um_loggedout] ATTENZIONE!!! QUESTO ARTICOLO E’ RISERVATO A LETTRICI E LETTORI DEI NOSTRI LIBRI che sono utenti registrati del sito. Per continuare a leggere devi loggarti al sito con il tuo utente oppure comunicarci via email che sei un lettore del libro allegando una prova (foto copertina, scontrino di acquisto). FAI LOGIN O INVIA UNA EMAIL CON LA PROVA D’ACQUISTO. [/um_loggedout]

[um_show_content not=’um_lettore-libro,editor,administrator’] ATTENZIONE: Questo articolo è riservato ai lettori dei nostri libri che sono utenti registrati del sito. Per continuare a leggere devi loggarti al sito con il tuo utente oppure comunicarci via email che sei un lettore del libro allegando una prova (foto copertina, scontrino di acquisto). [/um_show_content]

[um_show_content roles=’um_lettore-libro,editor,administrator’]

La seconda immagine ci mostra in dettaglio la produzione della Russia e della Ucraina con un titolo volutamente sopra le righe, che riprende la gaffe fatta da due fior fiore di giornalisti in televisione. Si nota come le due nazioni si integrino perfettamente: dove una è sbilanciata sugli energetici e l’altra sulle materie agricole. Mix perfetto!

Fonte: Andrea Forni, Approfondimento Intermarket mensile con grafica del sito Intermarket&More

E qui sotto infine, vediamo i flussi commerciali della Russia, che sono ormai 10 anni che diminuiscono da e verso l’Europa mentre aumentano (le esportazioni) verso la Cina.

Fonte: Pictet AM

Tra i due litiganti… i terzi godono

Dalla grafica sopra abbiamo capito dove va gran parte dell’export russo. In Cina! O meglio verso l’area denominata Nuova Via della Seta, o BRI o OBOR. Infatti sia Russia sia Ucraina ne fanno parte, come si vede da questa grafica tratta dal mio scenario di investimento dedicato alla Via della Seta e presentato già anni fa ai miei clienti.

Fonte: Andrea Forni, Approfondimento Intermarket mensile e grafica di PwC

A questo proposito, vale la regola che in un mondo da 8 miliardi di abitanti che scalpita per mettere le mani sulle risorse energetiche, alimentari, minerarie, se una parte decide di non acquistare ce n’è sempre un’altra pronta ad aprire il portafoglio. E’ il caso dell’India e della Cina.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

La crisi alimentare che verrà

Il vero problema umanitario è però lontano dal teatro di guerra. E’ la carenza di cibo che colpirà numerosi Paesi africani e mediorientali che hanno finora basato la loro sopravvivenza alimentare sul grano ucraino. E questo porterà a nuove “primavere arabe” e a un aumento del flusso di migranti dal Nord Africa verso le coste europee.

La FAO sta monitorando la situazione ed ha pubblicato già ad aprile un documento di analisi che vi consiglio di leggere, scaricandolo a questo link.

Fonte: FAO.org

E’ però chiaro che non è solo la guerra in Ucraina l’unico fattore di una crisi globale dell’alimentazione. In realtà la situazione era già grave negli anni passati e continua ad esserlo a causa della crescita demografica dei Paesi Emergenti. Lo spiega bene il lungo report dell’agenzia dell’ONU World Food Programme che vi consiglio di leggere scaricandolo qui.

Fonte: WFP

Conclusioni

Dopo avere letto questi report sono sicuro che ci penserete due volte a riempirvi il piatto all’aperitivo al bar o a buttare il cibo avanzato. Dal punto di vista dell’investitore è chiaro che tale carenza di materie prime ha portato (e porta) i prezzi alle stelle. Basti vedere il grafico delle performance YTD delle commodity.

La situazione è in costante evoluzione. Quindi vi consiglio di seguire le news e soprattutto di agire con prudenza se volete investire o speculare sulle commodity perché l’altissima volatilità di questi mesi deriva da un mercato stressato e in preda alle notizie (e alle fake news).

[/um_show_content]



DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.


Di Andrea Forni

Founder di Investirobot.com e co-founder di questo sito. Esperto di scenari d'investimento tecnologici, ambientali e demografici. Iscritto OCF | IFTA CFTe | Trader professionista

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!