Il ciclo rialzista delle materie prime sembra ancora lontano dalla sua conclusione. La ripresa economica dopo lo stop del 2020 e i potenti stimoli monetari e fiscali messi in campo da banche centrali e governi stanno ridando forza alle economie e di conseguenza alla domanda di commodity, alla base di ogni crescita industriale.

Ma quali materie prime sono correlate ai cicli economici? In che modo? E come si fa a investire nella pratica in materie prime?

A queste e a molte altre domande risponde “Investire in materie prime”, un’opera fondamentale di Maurizio Mazziero, edita da Hoepli nel 2017. Una guida pratica per trader, investitori e aziende che copre tutti gli aspetti di queste tematiche. Dove vengono prodotte (o estratte), quali sono i punti di forza e di debolezza delle varie commodity, da cosa dipendono i prezzi, dove sono quotate e in che modo, dove si reperiscono informazioni aggiornate, ecc.

In 352 pagine è condensato tutto quanto necessita a un investitore per iniziare a comprendere il mondo delle commodity. Si tratta del mercato più antico dell’umanità, visto che già in epoca preistorica si scambiavano materie prime agricole, mentre l’evoluzione umana già dal 4000 ac aveva portato all’estrazione e utilizzo dei primi metalli, a partire dal rame.

Accanto ai metalli industriali, però, non vanno dimenticati quelli preziosi, oro e argento in primis, ma anche le terre rare, sempre più importanti nell’industria del futuro, dai semiconduttori ai cellulari, dalle energie rinnovabili a tutte le strumentazioni più sofisticate.

Un mondo affascinante che Mazziero ci porta a conoscere con quella prosa leggera che solo un grande esperto del settore può avere. Un libro che non può mancare nella biblioteca di ogni appassionato di finanza.

Per leggere un ampio estratto del libro e acquistarlo su Amazon cliccate sulla copertina o guardate qui sotto nel viewer o a questo link.

Massimiliano Malandra

Di Massimiliano Malandra

Co-founder di questo sito. Analista fondamentale e quantitativo, socio Aiaf e giornalista professionista dal 2002. Esperto di approccio risk parity. Autore di vari libri.