Dall’analisi di mercato delle birre artigianali emerge la sua costante crescita, grazie soprattutto all’attenzione alla qualità da parte degli operatori.

Il 2022 il mercato della birra artigianale ha segnato nuovi sviluppi. Tanto è emerso dal Beer&Food Attraction, l’evento dedicato all’Eating Out Experience, tenutosi dal 27 al 30 Marzo.

Il settore della birra artigianale va online

E’ proprio da questo fervore che sono partiti Sabrina e Angelo, quando hanno creato il portale trovabirre.it

Se il settore cresce, è stato osservato, rimane pur sempre limitato e contestualizzato ai territori di riferimento.

Le birre artigianali della provincia di Novara sono conosciute solo lì, se qualche affezionato cliente le volesse bere in Sicilia non lo potrebbe fare! Semplicemente perché non sono distribuite fuori provincia e, in alcuni casi, nemmeno fuori comune!

L’analisi di mercato delle birre artigianali dice che il consumo di questo prodotto ha accelerato notevolmente. Più della metà degli italiani acquista birra artigianale ma da punti vendita vicino casa, in locali bar e pizzerie.

Serviva immaginare però qualcosa di più grande per il settore delle birre artigianali italiane, qualcosa che accelerasse gli aspetti di marketing, commerciali e di logistica affinché tutte le birre d’Italia potessero essere trovate in tutti i posti d’Italia!

Qualcosa che è perfettamente sintetizzato nello slogan di questa startup innovativa: TROVABIRRE UNISCE L’ITALIA DELLA BIRRA ARTIGIANALE

Da nord a sud troverai sempre tanti Birrifici Artigianali e Beer firm di qualità.

  • Valorizziamo il patrimonio brassicolo artigianale italiano.
  • Promuoviamo in tutta Italia tanti nuovi birrifici difficilmente reperibili nella tua regione.
  • Sempre in contatto con il mondo della birra artigianale per spingere sempre al meglio nuovi prodotti nella giusta direzione.

Accelerare la crescita del mercato della birra artigianale: la campagna di equity crowdfunding

Per dare risalto alla loro idea imprenditoriale ma, soprattutto, per portare alla ribalta della cronaca il mercato della birra artigianale hanno avviato la campagna di crowdfunding “Trovabirre” su mamacrowd.

Obiettivo di trovabirre.it è di divenire il punto di riferimento nel mercato delle birre artigianali sia per la domanda sia per l’offerta.

Quella di cui parliamo è infatti una piattaforma scalabile e tecnologicamente molto strutturata che permette ai birrifici di avere accesso a un pannello di controllo dedicato, dove inserire e gestire i propri prodotti, gli stock, gli ordini e la contabilità.

Allo stesso modo gli utenti Ho.Re.Ca possono in autonomia scegliere i prodotti da proporre ai propri clienti, trovare etichette difficilmente reperibili nel circuito distributivo tradizionale, effettuare ordini rapidamente, avere sempre sotto controllo gli ordini già effettuati e la gestione contabile.

Quindi il mercato della birra è sempre più artigianale ma serviva un portale che semplificasse l’incontro tra domanda e offerta. Trovabirre.it, da quanto dicono Angelo e Sabrina, riesce a garantire un’ampia gamma di prodotti, in tempi rapidi, e a costi di trasporto molto contenuti… così tutti gli appassionati di birra artigianale possono essere soddisfatti!

Il progetto sta riscontrando l’apprezzamento di numerosi birrifici, i quali hanno registrato un incremento delle vendite. Anche ristoranti, pub e pizzerie sono soddisfatti perché possono:

  • allargare la gamma delle birre artigianali da servire,
  • appagare i gusti dei propri clienti grazie all’acquisto all’ingrosso, senza minimi di spesa e con spese di trasporto molto contenute.

Le video-interviste

Qui sotto trovate le due video-interviste ai fondatori della startup (link a Youtube) e a Franco Gonella di Primo Ventures (link a Youtube). Se non vedete i video qui sotto vuole dire che non avete attivato i cookies di marketing su questo sito.

Un investitore qualificato ha già offerto il suo supporto a Trovabirre, si tratta di Primo Ventures.

Qui l’intervista a Franco Gonella, il quale ha spiegato le 3 ragioni per cui questo importante fondo di Venture Capital ha offerto il suo supporto all’iniziativa.


DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.

Pasquale Stefanizzi

Di Pasquale Stefanizzi

E’ PhD in materie economico finanziarie (Banca e Finanza) presso l’Università di Roma Tor Vergata, già assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria dell’innovazione dell’Università del Salento. Nel 2015 ha terminato con profitto il master in “Digital marketing” di Ninja Accademy. E’ consulente d’impresa e docente in numerosi corsi di formazione. Ha sviluppato un particolare interesse per le attività di accompagnamento delle imprese nei rapporti con le banche. E’ autore di pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali.

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!