“Dopo una fase di debolezza e di scarso entusiasmo, dovuto anche all’intervento della Sec, il mercato Spac Usa ha saputo riequilibrarsi e ripartire. Siamo convinti che il 2022 possa rappresentare un anno positivo per il settore”. È la previsione di Antonio Midolo, promotore e gestore del fondo Zest US Spac del gestore indipendente svizzero Zest .

Il mercato Spac (Special Purpose Acquisition Company) è composto da oltre 600 società quotate in Usa a fine ottobre 2021, di cui 494 (per un controvalore raccolto di 140 bilioni di dollari) ancora in cerca di acquisizione e le altre 116 (363 bilioni di dollari) in attesa di completare l’operazione di fusione.

Fonte: Statista

Cosa sono le SPAC?

Come spiega un dettagliato articolo di Società e Tributi Week, riportato nel nostro post del 17 gennaio 2021 intitolato “Le SPAC tra auto elettriche e astronavi“, le Special Purpose Acquisition Company, sono “una particolare tipologia di società veicolo destinata alla raccolta di capitali di rischio attraverso la quotazione e con l’obiettivo di investimento in una o più società operative esistenti”.

La raccolta di capitale avviene tramite la quotazione in Borsa della SPAC con la finalità di acquisire delle aziende già esistenti ma che al momento della quotazione non sono ancora specificate. Quindi chi investe in una SPAC lo fa al buio, nella speranza che la SPAC riesca a investire la liquidità raccolta nel migliore dei modi.

Qui sotto vediamo il processo di creazione di una SPAC dal sito del Nasdaq. Per l’articolo completo cliccare qui.

SPAC Listings on Nasdaq | SPAC Structure & Investment
Fonte: Nasdaq.com

Alcuni numeri forniti da Zest

Complessivamente dal 2003 sono state quotate 1.100 Spac per oltre 285 bilioni di dollari. I 90 insuccessi, dovuti alla liquidazione per mancanza di successo nell’identificazione delle società target col totale rimborso di capitale raccolto nella fasi di Ipo (offerta pubblica iniziale), sono concentrati nel periodo 2008-2011, quando il mercato azionario era in grossa difficoltà, mentre nell’ultimo triennio sono scesi a percentuali trascurabili sul totale delle Spac quotate: nove, e nessuna liquidazione nel 2021.

A giudicare dal recente andamento del mercato primario, con oltre 30 nuovi Ipo listati a settembre ed altrettanti almeno in ottobre e l’imminenza di future quotazioni, è chiaro che l’interesse degli investitori, degli sponsor e delle società target/da acquisire non accenna assolutamente a diminuire”, sottolinea Midolo.

SPAC e intervento della SEC americana

Gli sviluppi recenti sono stati positivi nonostante l’intervento della Sec a marzo scorso. Essa ha voluto raffreddare gli entusiasmi e l’eccesso di nuove quotazioni, che stavano creando una vera e propria bolla riflessa nei prezzi spesso generosamente gonfiati, non solo delle Spac che avessero già annunciato l’operazione di fusione ma anche di tutte le neo-quotate.

E infatti il semestre appena terminato è stato caratterizzato da sostanziale debolezza e scarso entusiasmo degli operatori, con quotazioni in discesa di oltre il 30%.

Nonostante le misure introdotte dalla Sec e dopo una prima fase di tracollo, il mercato Spac ha saputo comunque riequilibrarsi e ripartire, sulla base di nuovi parametri.

Tra questi, maggiori incentivazioni agli investitori in Ipo, maggior numero di warrant gratuiti offerti per Unit e sostanziale riduzione delle scadenze da 24 mesi a 12-18, con ulteriore compenso di 0,10 dollari a trimestre, in caso di richiesta di estensione dei termini.

Conclusioni

Questo insieme di aggiustamenti sta ricreando le premesse non solo per un consolidamento del settore Spac sulla notevole base dimensionale raggiunta, ma addirittura di futura crescita, in considerazione dell’equilibrio ricreato, a partire dall’estate, tra il numero di nuove quotazioni, annuncio di acquisizioni e completamento delle stesse”, conclude Midolo.

Foto Credits: Foto di mark glancy da Pexels


DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.