La robotica non è una novità essendo utilizzata da decenni nell’industria manifatturiera dove i robot svolgono lavori pesanti e ripetitivi sostituendo gli operai alla catena di montaggio. Oggi i robot escono dalle fabbriche grazie alla convergenza di tecnologie elettroniche e informatiche che hanno raggiunto un grado di maturità tale da permettere la creazione di una nuova generazione di macchine dotate di una spiccata intelligenza artificiale e di organi sensoriali che le rendono adatte a interagire autonomamente con gli esseri umani e con l’ambiente circostante, sia esso un ufficio, un appartamento, un campo di battaglia o un’autostrada.

La robotica oggi

Parlando di robotica oggi pensiamo a robot collaborativi che affiancano operai e impiegati e ne diventano colleghi, a veicoli a guida autonoma che viaggiano sulle strade, a robot di servizio che ci aiutano in casa e in ufficio, a droni che consegnano pizze a domicilio, a robot-chirurghi più precisi del nostro medico di fiducia, ai robo-advisors che ci consigliano negli investimenti in Borsa e ad altre meraviglie che stanno uscendo dai film di fantascienza per entrare nella vita reale. Questa è la forza dirompente della robotica di nuova generazione che è destinata a cambiare il nostro modo di vivere, di lavorare e di investire.

Un esempio di come la robotica sta aiutando lo sviluppo economico con la digitalizzazione delle attività produttive della Fabbrica 4.0 lo trovate in questo divertente video che ho girato alla fiera della robotica industriale MECSPE nel 2017.

Robotica e AI sono fattori chiave dello sviluppo economico

La robotica sta diventando uno dei fattori chiave dello sviluppo dell’economia globale poiché lo richiedono i megatrend del futuro. Pensiamo alla Rivoluzione industriale 4.0 promulgata dall’economista Jeremy Rifkin e al reshoring di produzioni un tempo delocalizzate in paesi asiatici che necessitano di automazione spinta per abbattere i costi del lavoro e restare competitive sul mercato globale; ai trend demografici del Giappone e dei paesi occidentali con un crescente numero di anziani da assistere in scarsità di personale qualificato; alla necessità di aumentare la produttività in agricoltura per sfamare miliardi di persone nei prossimi decenni.

L’attrattività della robotica come opportunità di investimento è provata dal fatto che l’analisi degli shareholder delle società quotate che ho descritto nel mio libro Robot. La Nuova Era (puoi leggerne l’estratto gratis su Amazon cliccando il link) evidenzia che tra i detentori di importanti quote di capitale ricorrono i nomi dei grandi fondi d’investimento.

Oltre alle società quotate sono centinaia le start-up innovative a caccia di finanziamenti a cui l’investitore privato può accedere grazie ai servizi di crowd-funding disponibili anche in Italia, in attesa dell’ondata di offerte pubbliche di acquisto a cui assisteremo nei prossimi anni. Per il momento chi ci sta investendo miliardi di dollari sono i Corporate Venture Capital creati dalle grandi corporation che solitamente hanno una exit strategy di medio termine che prevede o la quotazione di borsa o l’acquisizione della tecnologia sviluppata dalla startup stessa.

Quali e quanti strumenti investibili troviamo sul mercato?

Sui mercati azionari la robotica è in pieno fermento. Il nostro database elenca più duecento società quotate e un numero crescente di fondi gestiti ed ETF tematici che permettono di diversificare il portafoglio per settore economico, area geografica e valuta.

All’investitore individuale diamo un primo consiglio: investire in robotica non è facile, poiché manca ancora una “classificazione settoriale” per i titoli robotici e le aziende non sono facilmente identificabili da un nome che ne richiami il contenuto tecnologico. In secondo luogo, investire in un’azienda di robotica (o di intelligenza artificiale) significa scommettere sulla capacità del management di restare al passo con la corsa tecnologica negli anni a venire di cui nessuno oggi può prevedere lo sviluppo.


Vuoi capire tutto della robotica, delle sue applicazioni e investirci con successo?

Il libro Robot. La nuova era è la guida che serve all’investitore per orientarsi nel complesso mondo della robotica.

Oltre a descrivere cos’è la robotica di nuova generazione e a identificarne opportunità economiche e rischi sociali nel breve e nel lungo termine contiene un’analisi approfondita di come investire nel centinaio di aziende di robotica quotate sui mercati di borsa e citate tra le sue pagine.

E’ quindi un libro completo sia per capire lo stato dell’arte della robotica e dell’intelligenza artificiale sia per investirci grazie all’analisi di opportunità e rischi di questo settore tecnologico e all’elenco ragionato e all’analisi di decine di aziende quotate in tutto il mondo.

ACQUISTALO IN FORMATO EBOOK O CARTACEO SU AMAZON.IT E FELTRINELLI.IT


DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *