Andrea Forni e Massimiliano Malandra hanno discusso dell’argomento più scottante di aprile 2019 in Italia: l’adesione del nostro paese alla Nuova Via della Seta cinese mediante un “memorandum of understanding”.

Dal momento che sono stato il primo autore italiano ad avere pubblicato un libro di robotica ed AI con l’editore di Stato cinese China Machine Press conosco molto bene l’evoluzione del settore tecnologico cinese, che è un asse portante della Via Della Seta (la cosidetta Digital Silk Road, di cui pochi parlano).

Sono anche stato anche uno dei primi analisti indipendenti a parlare di crescita della classe media in Asia già dal 2012 e ad avere proposto all’epoca un corso di formazione che ha avuto scarso successo, essendo troppo avanti per i tempi.

clicca sull’immagine per guardare il video

La particolarità dell’intervista che potete vedere in video è che, a differenza di altri opinionisti che concentrano il focus sulla Belt & Road Initiave, sono partito dagli aspetti demografici che stanno alla base del successo del progetto Via Della Seta, che coinvolge il 60% della popolazione mondiale più attiva giovane e in rapida crescita. Solo in Cina la classe media attuale è composta da 270 milioni di persone giovani con un reddito tra gli 11.600 USD e i 40.000 USD desiderosi di spenderli per cambiare stile di vita, di alimentazione e crescere nella scala sociale asiatica. Ai cinesi seguono indiani, vietnamiti, thailandesi, indonesiani e malesi che anche grazie alla “guerra dei dazi” tra Cina e USA hanno visto un afflusso di produzione di beni che sfuggono così ai dazi.


La trattazione completa sia degli aspetti demografici sia dello scenario “Nuova Via della Seta” la potete trovare nel nostro nuovo libro Investire nei Megatrend del Futuro.

Pubblicato da Hoepli Editore e disponibile in formato cartaceo ed Ebook dal 25 settembre 2020 e GIA’ PRENOTABILE SU AMAZON.IT.

​Frutto di due anni di lavoro, il libro descrive gli scenari di investimento legati ai megatrend demografici, tecnologici e ambientali, quelle grandi trasformazioni sociali che nel lungo periodo cambiano in modo sostanziale la società, la vita delle persone e il modo in cui i diversi attori economici producono e scambiano beni e servizi.

Il volume conduce un’analisi approfondita delle varie trasformazioni in atto, individuando i settori che possono sfruttare al meglio queste tendenze. I due autori presentano 20 scenari d’investimento e analizzano, sotto il profilo economico-finanziario, oltre 400 società quotate, ETF e fondi gestiti al fine di costruire adeguati portafogli tematici, adatti a tutti gli investitori.


DISCLAIMER
Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori.
Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria.
Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.