L’opinione pubblica e i media tendono a circoscrivere le crisi finanziarie e del debito pubblico che stiamo vivendo in Europa a questo particolare periodo della storia economica, guidato da oltre 10 anni dall’azione delle Banche Centrali che hanno “drogato” il regolare andamento dei mercati finanziari e creato la più grande bolla della storia su azionario e obbligazionario. 

Il libro di Reinhart e Rogoff Questa volta è diverso. Otto secoli di follia finanziaria pubblicato da Il Saggiatore nelle sue 420 dice il contrario, raccontando delle tante crisi che si sono succedute nel corso del tempo.

Questi economisti quantitativi hanno lavorato su un’impressionante mole di dati a partire dall’Ottocento. Nei 66 paesi analizzati, tra il 1800 e il 2009 gli autori hanno contato più di 250 episodi di default del debito estero sovrano, 68 casi di default del debito pubblico domestico e innumerevoli crisi bancarie (e corse agli sportelli) equamente distribuite tra nazioni sviluppate e paesi dall’economia depressa.

Questa ricerca dimostra con grafici e tabelle statistiche che la storia si ripete e le lezioni del passato vengono dimenticate velocemente dagli uomini. Ciò che emerge leggendo questo straordinario lavoro è che durante ogni crisi i dirigenti delle istituzioni finanziarie e le alte cariche politiche pensano sempre che “questa volta è diverso”, ma alla fine mettono in atto manovre correttive che deprimono ulteriormente la ricchezza del Paese e impoveriscono i cittadini.

Per ogni tipologia di crisi gli autori spiegano le cause scatenanti, gli effetti su economia, finanza e conti pubblici, e le manovre correttive attuate.

Concludendo, un libro di non facile lettura che però fornisce tutti gli strumenti intellettuali per identificare i sintomi del disordine finanziario e la sequenza di eventi che portano a una crisi, in modo da arrivarci preparati e salvaguardare il proprio patrimonio.  

Lo trovate su Amazon.it insieme agli altri libri degli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *