Nel 2016, dopo la mia partecipazione alla Israeli Robotics Conference di Tel Aviv mi è arrivato l’invito dell’editore del Journal of Mechanics Engineering and Automation a scrivere un paper di ricerca sulle opportunità d’investimento in robotica. Una richiesta molto particolare visto che il taglio della rivista scientifica era (e resta) prettamente ingegneristico.

A distanza di quattro anni posso affermare che pubblicare un paper di natura economica-finanziaria in una rivista per ingegneri e scienziati è stato un successo (oltre 2000 lettori, varie citazioni e riferimenti in altri lavori scientifici e divulgativi).

Il paper è ancora attuale e la sua lettura oggi dimostra la correttezza della mia tesi che nel 2016 paragonava la crescita della bolla dei titoli di robotica (poi mutata nella bolla dei titoli di intelligenza artificiale nel 2018, e oggi nella bolla dei titoli FAANG) con la bolla dei titoli Internet gonfiatasi tra il 1995 e marzo 2000.

Sebbene il mercato azionario dei titoli di robotica ed AI si sia evoluto dal 2016 a oggi i principi cardine e i fattori di rischio e opportunità per questo tipo di investimenti non sono cambiati. Ricordiamoci che si parla di tecnologie avanzate che solleticano l’attenzione dei media (in cerca di scoop e copertine a effetto come “i robot rubano il lavoro” o “l’Intelligenza artificiale è etica?”) che a loro volta incuriosiscono gli investitori privati in cerca di titoli X-bagger (termine con cui si intendono quei titoli ad alto rischio ma potenzialmente esplosivi, che possono raddoppiare, triplicare o decuplicare il loro valore in breve tempo).

Come sottolineo nel paper, gli investitori privati sono spesso gli ultimi a venire a conoscenza di nuovi settori e nuove tecnologie in cui investire. La figura qui sotto, tratta dal mio paper, mostra infatti gli investimenti a pioggia nella robotica effettuati dalle grandi case già molti anni prima del “parco buoi” di investitori privati. Che infatti, solitamente, nella corsa per diventare ricchi in fretta restano con il classico cerino acceso in mano…

Per leggere il paper (in inglese) cliccare su questo link e scaricare il file Pdf. Buona lettura!


DISCLAIMER
Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori.
Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria.
Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.