Spazio come nuova frontiera è il tema tipico dei film di fantascienza che affascinano milioni di persone.

Ma solo a fine ‘700 l’uomo è riuscito a staccarsi dalla Terra (il primo volo accertato di un pallone capace di portare persone avvenne il 19 ottobre 1783 a Parigi, in Francia e venne effettuato ad Annonay da Joseph-Michel e Jacques-Étienne Montgolfier) e solamente dal ‘900 lo ha fatto con mezzi meccanici, che hanno avuto uno sviluppo travolgente a seguito delle due guerre mondiali.

E proprio durante la Seconda sono state gettate le basi dell’avventura spaziale con i primi razzi (le V1 e V2 tedesche). Dopo il 1945 è iniziata così la corsa allo spazio – una gara tra Stati Uniti e Urss, cui si sono aggiunti poi altri concorrenti, dalla Cina al Giappone all’Europa – appannaggio però delle agenzie spaziali nazionali (dalla NASA all’ESA).

Ma negli ultimi due decenni il settore si è aperto anche ai privati ed è nato un nuovo settore che mira alla commercializzazione dello spazio. Ora vale circa 470 miliardi di dollari, ma le previsioni sono di tassi di espansione a doppia cifra nei prossimi decenni.

Un settore che però non è solo di esplorazione e viaggi, ma di commerci, tentativi di insediamenti, ricerca di nuovi metalli, e anche di militarizzazione. Ne abbiamo parlato diffusamente nel nostro libro Investire nei megatrend del futuro,

Ora è uscito un libro specifico sull’argomento “space economy”. È Space economy. La nuova frontiera dello sviluppo (Bocconi University Press- 224 pagg.) scritto dall’astrofisica Simonetta Di Pippo, che può vantare un lungo curriculum nelle agenzie spaziali italiana, europea e dell’Onu (direttore Human Spacefl ight all’ESA, direttore Observation of the Universe all’ASI, direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico).

Insomma una super esperta dell’argomento. Che nelle 224 pagine del libro sviscera l’argomento sotto molteplici punti di vista: quelle più immediate (le sfide dell’umanità, la trasformazione digitale), quelle del futuro (la sostenibilità e lo spazio come nuova frontiera), quelle economiche (il valore economico del settore, il capitale umano e la “economia” degli asteroidi), quello giuridico (il diritto spaziale internazionale). Infine uno sguardo a come si pone l’Italia in questo nuovo settore emergente.

Un libro completo e affascinante. Simonetta Di Pippo ci prende per mano e ci racconta una storia meravigliosa di un futuro che pensavamo ancora lontano e che invece è sempre più prossimo.

Qui sotto è possibile leggere un estratto del libro.

Massimiliano Malandra

Di Massimiliano Malandra

Co-founder di questo sito. Analista fondamentale e quantitativo, socio Aiaf e giornalista professionista dal 2002. Esperto di approccio risk parity. Autore di vari libri.

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!