Una delle fonti informative che io amo navigare con una certa frequenza è il sito del World Economic Forum. Ebbene sì, l’organizzazione che porta a Davos ogni anno i potenti e i ricchi della Terra (ingenerando sempre polemiche sulla modalità non proprio eco-sostenibile con cui arrivano, l’aereo privato) è anche uno straordinario laboratorio di ricerca economica sugli impatti dei megatrend e gestisce un sito che è una vera e propria miniera di idee, dati, risorse a cui attingere a piene mani.

Tra i tantissimi argomenti che trovate nel sito c’è il Metaverso. Un topic che sebbene sia giovane sul sito del WEF è già ampiamente trattato e ogni mese si arricchisce di dotti contributi scientifici.

Prima di entrare nel tema di oggi voglio segnalarvi che ogni argomento viene mappato dal WEF attraverso una Big Picture che lo mette in relazione con tutto il resto mostrandone dinamicamente i legami e gli impatti. Se siete già abituati a vedere le Mappe Mentali non sarà nulla di complesso per voi (al proposito vi ricordo che i lettori dei nostri libri e i recensori su Amazon che ce lo segnalano via email ricevono come regalo scenari costruiti con le mappe mentali).

La Big Picture del metaverso

E giusto per darvi un assaggio della Big Picture del Metaverso (o dei metaversi), qui sotto trovate la Mappa del WEF sul tema. Cliccandola entrate nella mappa dinamica sul sito del WEF con cui potrete “giocare”.

E adesso andiamo al succo del discorso. il 16 agosto è stato pubblicato dal WEF un lungo articolo tratto da una ricerca di PwC dal titolo “6 ways businesses can prepare for the metaverse era“. Cliccando sul titolo andate nell’articolo del WEF che vi riporta poi alla fonte originale sul sito di PwC dove trovate lo stesso articolo in formato più “dinamico” e multimediale.

Io qui sotto vi riporto in italiano alcuni stralci dell’articolo, del WEF, quelli mi hanno più colpito.

Il metaverso è importante per le aziende

Il metaverso potrebbe cambiare profondamente il modo in cui le aziende e i consumatori interagiscono con i prodotti, i servizi e gli altri. Gli esperti di PwC spiegano perché e come i leader aziendali dovrebbero prepararsi all’era del metaverso.

Quando si parla di “metaverso”, pochi dirigenti aziendali si considerano esperti. Alcuni potrebbero chiedersi se sia importante per le loro aziende. La risposta breve è: sì, è importante.

In effetti, diversi concetti di metaverso stanno già diventando concreti. Altri lo diventeranno presto. Molte aziende stanno investendo, con l’obiettivo di rafforzare la fidelizzazione dei clienti, di impegnarsi in nuovi modi con le loro comunità e di aumentare i ricavi.

Ma c’è anche motivo di essere cauti. Il metaverso è diventato improvvisamente caldo, anche se le tendenze tecnologiche sottostanti sono in atto da anni. Come agli albori di Internet, questa innovazione contiene probabilmente sacche di speculazione, sopravvalutazione e investimenti incauti, soprattutto perché un vero metaverso, come lo immaginano i visionari della tecnologia, è ancora lontano. Non tutte le aziende devono diventare leader del metaverso oggi.

La buona notizia è che è possibile separare la realtà dal clamore: capire che cos’è davvero il metaverso e adottare misure pratiche e accessibili per soddisfare le esigenze della propria azienda.

Cos’è il metaverso e cosa significa per le aziende

Il metaverso promette un mondo digitale 3D straordinariamente realistico in cui è possibile (ad esempio) acquistare e vendere beni e servizi, firmare e applicare contratti, reclutare e formare talenti e interagire con clienti e comunità.

Come alcuni visionari della tecnologia immaginano il metaverso, questo mondo non funzionerà principalmente su piattaforme i cui proprietari controllano dati, governance e transazioni. Al contrario, i clienti (e le aziende) potranno portare le loro identità, valute, esperienze e beni ovunque desiderino.

Inoltre, a differenza delle esperienze web di oggi, gran parte di questo mondo digitale continuerà a esistere anche quando non ci sarà nessuno.

Con il metaverso si può, ad esempio, indossare una cuffia per la realtà virtuale (VR) e visitare una fabbrica dall’altra parte del mondo. Potrete vedere e toccare le sue macchine, stringere la mano al supervisore locale e ispezionare le sue operazioni senza lasciare la vostra scrivania.

Potreste persino inviare una versione digitale di voi stessi in quella fabbrica, mentre un’altra incontra il vostro consiglio di amministrazione. I consumatori potrebbero passare da una concessionaria virtuale all’altra, sentendo il vento tra i capelli durante i test drive.

E dopo che avrete lasciato la replica digitale di una fabbrica, questa continuerà a produrre parallelamente alla vostra fabbrica fisica. L’auto virtuale attenderà il suo prossimo guidatore virtuale.

Oggi molti consumatori più giovani provano già abiti virtuali in negozi al dettaglio virtuali o acquistano merce virtuale per i loro ambienti di gioco virtuali.

Le applicazioni in azienda

Le aziende stanno già guardando al metaverso per:

  • arricchire l’esperienza del consumatore
  • introdurre prodotti virtuali, disponibili solo nel metaverso
  • raccogliere nuovi dati sui clienti
  • commercializzare prodotti e servizi fisici e digitali
  • Supportare i pagamenti e i finanziamenti nel metaverso
  • Offrire hardware e applicazioni che supportino le attività del metaverso

Il metaverso è un’evoluzione, non una rivoluzione – con opportunità per oggi

Il metaverso è stato descritto e nominato per la prima volta quasi 30 anni fa, ma siamo ancora agli inizi. La potenza di calcolo, le cuffie, i protocolli software e la capacità di rete non sono ancora pronti per supportare un metaverso veramente coinvolgente e condiviso.

Eppure questo futuro sta arrivando, come culmine di una tendenza di lunga data: le nuove tecnologie innovative si fondono in un insieme più grande. Nell’ultimo decennio PwC ha identificato le nuove tecnologie più importanti per le aziende e il modo in cui stanno convergendo, in modi che stanno iniziando a rendere possibili alcune parti del metaverso.

Oggi la tecnologia cloud sta fornendo la potenza di elaborazione e lo storage necessari per supportare la realtà estesa e le interfacce immersive. Le reti iperconnesse che sfruttano il 5G sono prossime alla maturità. L’intelligenza artificiale sta contribuendo a creare riflessi digitali che combinano computer vision, linguaggio e apprendimento profondo per offrire agli utenti esperienze che sembrano reali.

La decentralizzazione della finanza e dell’economia, supportata dalla blockchain, sta rendendo possibili sistemi finanziari parzialmente automatizzati. Infine, i consumatori nativi digitali e l’impatto della pandemia sulle abitudini di consumo stanno stimolando la domanda di prodotti ed esperienze virtuali offerti dal metaverso.

PwC ha rappresentato l’universo del Metaverso con questa immagine. Molto interessante, vero?

Fonte: PwC

Cosa manca oggi al Metaverso

Manca ancora in gran parte l’interoperabilità promessa dal metaverso: un mondo digitale in cui voi e i vostri clienti potrete passare senza problemi da un’esperienza all’altra offerta da diversi fornitori.

Questa connettività richiederà una nuova architettura per Internet, spesso chiamata web 3.0. L’idea è che prima sono nate le pagine web statiche (web 1.0). Poi è arrivato l’internet attuale (web 2.0) con contenuti dinamici, ma solo all’interno di piattaforme che le aziende possiedono e governano. Il Web 3.0, a cui stanno attualmente lavorando innovatori e investitori, dovrebbe essere una struttura decentralizzata con innumerevoli piattaforme interoperabili.

Indipendentemente dal fatto che questa visione arrivi o meno, esistono già abbastanza componenti del metaverso da offrire opportunità, oltre che rischi, già oggi.

Continua a leggere l’articolo sul WEF

Per ragioni di spazio mi fermo qui. Credo di avervi dato gli elementi essenziali per capire l’applicazione pratica del metaverso in azienda. Ma l’articolo di PwC è molto più lungo e dettagliato. Vi consiglio quindi di andare sul sito del WEF (dove trovate anche le Mappe) o su quello di PwC per continuare la lettura.

Andrea Forni

Di Andrea Forni

Founder di Investirobot.com e co-founder di questo sito. Esperto di scenari d'investimento tecnologici, ambientali e demografici. Iscritto OCF | IFTA CFTe | Trader professionista

error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E\' PROTETTO E NON COPIABILE!!