Che siate risparmiatori privati o consulenti finanziari vi consiglio un libro da leggere subito per capire tutto sull’universo del Fintech.

Il libro

Scritto da due esperti di Fintech, Fabrizio Villani e Giancarlo Giudici, con i contributi di due legali esperte di problematiche Fintech e numerosi interviste a fondatori di aziende, nelle sue 170 pagine “#Fintech Expert. Contro il logorio della banca moderna” mi ha dato una panoramica su un mondo che conoscevo poco e in modo alquanto confuso.

Il motivo è che il Fintech è un universo in rapida espansione, talmente articolato e così “tecnologico” che è facile perdersi. Chi di voi sa la differenza tra Bitcoin e bitcoin? Sembrano la stessa cosa, ma non lo sono! E come è articolata la categoria giuridica dei token? O cosa sono gli NFT (ne abbiamo scritto in questo articolo sulla Cryptoart)?

Questo libro ha diradato la nebbia su un argomento tanto variegato quanto ostico e mi ha fatto pensare che oltre la banca c’è oggi qualcosa d’altro, magari anche più efficiente e meno costoso perché “Fintech” non è solo sinonimo di criptovalute ma anche di conti correnti, sistemi di pagamento, piattaforme di prestiti e mutui, di sistemi per lo sconto di fatture, di crowdfunding, di assicurazione e tanto altro ancora.

Il lettore più giovane e in cerca di lavoro e il bancario timoroso di tagli e aggregazioni troveranno utile il capitolo dedicato alle figure professionali e ai mestieri del Fintech.

Per leggere un estratto del libro cliccate qui sotto.

E’ chiaro che, sebbene gli autori si sforzino di comprimere l’universo intero in 170 pagine, sorgono nel lettore tante domande che meritano un approfondimento. Per questo il libro è pieno zeppo di link a report, analisi e siti dove trovare materiale per approfondire ogni singola affermazione fatta dagli autori e ogni curiosità di possa avere.

Il fintech nasce dai megatrend

Lo dice Alessandra Perrazzelli, vice direttore di Banca d’Italia nella prefazione:

L’entrata nel mercato della Generazione Z, nativa digitale, la globalizzazione del mercato delle big tech, la nascita di progetti di moneta digitale e, da ultimo, la pandemia mondiale del Covid–19 hanno impresso una nuova velocità a un processo di cambiamento inesorabile. Alla disponibilità di accesso all’Internet of Things va aggiunta una nuova cultura di comunicazione e scambio che vede nell’uso dei social il suo maggiore elemento fondante.”

E lo dicono gli autori del libro:

il settore dei servizi finanziari sta affrontando un periodo storico pieno di stravolgimenti: basti pensare allo sviluppo tecnologico, il ruolo centrale dei dati, i cambiamenti demografici e la globalizzazione. Alcuni di questi concetti vanno sotto il nome di megatrend…” e “…i grandi gruppi finanziari si stanno già preparando per intercettare i bisogni e le sensibilità della cosiddetta “Generation Zovvero le persone nate a cavallo del nuovo millennio“.

Anche nel nostro libro “Investire nei megatrend del futuro” il fintech compare in molte pagine, magari nascosto tra le righe e le parole. Il Fintech rientra nel megatrend tecnologico, visto che si nutre di tecnologie esponenziali e si innesta nel megatrend demografico. E in questo sito trovate anche il white paper di BNP Paribas che parla del boom del Fintech nei Paesi Emergenti.

Il portale Fintech dell’autore

Fabrizio Villani è anche il co-fondatore di Fintastico.com, il portale dei servizi Fintech che è stato definito da Wired “una sorta di Tripadvisor dei servizi finanziari innovativi“. La curiosità che vi nascerà nel leggere il libro troverà risposta in questo portale per scoprire le migliaia di servizi alternativi a quelli bancari sono oggi disponibili in Rete.

Fonte: homepage sito Fintastico.com

Conclusioni

Se pensiamo che delle 40 aziende componenti l’indice FTSE Mib ben 14 sono banche e assicurazioni, consigliamo il lettore che ci investe di fare qualche ragionamento sulla capacità di sopravvivenza di queste aziende nei prossimi anni.

Ma credo che anche il consulente finanziario debba informarsi per capire se il Fintech “gioca contro” la sua professione (pensiamo ai servizi di Roboadvisor) o può invece aiutarlo a migliorare la qualità dei servizi (pensiamo ai Robo for Advisor). In ogni caso, un settore innovativo che vale la pena esplorare con il libro “#Fintech Expert“, sapendo che “indietro non si torna”.

Andrea Forni

Di Andrea Forni

Founder di Investirobot.com e co-founder di questo sito. Esperto di scenari d'investimento tecnologici, ambientali e demografici. Iscritto OCF | IFTA CFTe | Trader professionista