Sebbene sia un argomento da sempre considerato controverso, noi ci siamo spesso occupati di energia nucleare e di uranio nel corso degli anni. Sia nel nostro libro “Investire nei Megatrend del futuro” sia sulle pagine di questo sito (si veda in fondo l’elenco ragionato degli articoli sul tema).

Oggi torniamo a scrivere di uranio ( e di Cina) grazie al contributo di Alexander Roll, Associate Investment Strategist di Global X, sul caso di investimento dell’uranio nel contesto di un sempre maggior interesse per l’energia nucleare. In altre parole, la corsa dell’uranio è appena iniziata!

Alexander Roll – Fonte: Global X

Energia nucleare e Cina

L’energia nucleare può svolgere un ruolo importante negli sforzi dei vari Paesi per la decarbonizzazione dei loro sistemi energetici, e per questo è probabile che la domanda di uranio continui ad aumentare. Diversi Paesi hanno recentemente annunciato piani di espansione della loro capacità nucleare, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Cina e India.

L’International Energy Agency (IEA) prevede che, nell’ambito del suo obiettivo di emissioni nette zero per il 2050, la capacità di energia nucleare a livello mondiale dovrà più che raddoppiare, passando da 413GW nel 2021 a 871GW nel 2050. In un rapporto pubblicato da Clifford and Chance LLP nel febbraio 2023, la World Energy Organization prevede inoltre che il 60% delle nuove centrali sarà costruito in Cina. Ciò significa che la flotta nucleare cinese potrebbe superare gli Stati Uniti come la più grande del mondo nei prossimi 10 anni.

Il flusso di liquidità sugli ETF dell’uranio – Fonte: Global X

Negli ultimi anni la Cina ha aumentato il numero di autorizzazioni per il nucleare e solo nel 2022 ha approvato 10 nuovi reattori, di dimensioni generalmente superiori a un gigawatt. Il presidente del China General Nuclear Power Group Co., Yang Changli, ha dichiarato che la flotta nucleare cinese crescerà fino a 400 GW, ovvero sette volte la capacità attuale, entro il 2050 e rappresenterà il 18% della produzione di energia elettrica del Paese. La Cina sta guidando la rinascita del nucleare, che vede nazioni come il Regno Unito rivolgersi di nuovo a questa tecnologia nel tentativo di raggiungere gli obiettivi climatici e soddisfare al contempo il fabbisogno energetico. La previsione di Yang richiederebbe un netto passo avanti nel già ambizioso programma di costruzione del Paese, con oltre nove gigawatt di capacità nucleare aggiuntiva all’anno fino al 2060.

Nuove tecnologie nel nucleare

Anche i reattori modulari (Small modular reactors o SMR) stanno guadagnando popolarità, grazie alla loro flessibilità e al loro potenziale utilizzo in aree difficili da raggiungere. Con una capacità di potenza fino a 300 MW(e), gli SMR possono fluttuare la loro produzione in base alla domanda e possono essere costruiti in una frazione del tempo necessario per costruire un reattore tradizionale. Per lo più prefabbricati, gli SMR possono essere completamente operativi in 2-3 anni, molto meno dei 7-9 anni necessari per un reattore tradizionale.

Investire nell’uranio

In questo scenario, l’investimento in ETF sull’uranio offre un metodo efficiente e conveniente per accedere a un paniere diversificato di società coinvolte nelle attività di estrazione dell’uranio, mitigando alcuni dei rischi associati ai singoli minatori di uranio.

Conclusioni

Riassumendo i punti chiave dell’analisi di Alexander Roll:

– Per raggiungere il net zero, molti Paesi del mondo stanno rilanciando o accelerando i loro programmi sul nucleare;

– La Cina guida questo trend, con piani per moltiplicare di 7 volte la propria capacità nucleare;

– Ulteriori opportunità arrivano dai reattori modulari, più flessibili e veloci da costruire.

Altri articoli sul nucleare

Foto di copertina di Pixabay: https://www.pexels.com/it-it/foto/fotografia-di-paesaggio-di-fabbrica-459728/


TI PIACE IL SITO e il suo DATABASE?

Se ti piace il sito e lo trovi utile, prima di continuare la lettura, aiutaci in questo progetto di educazione finanziaria con una piccola donazione per coprire le spese di gestione e mantenere il sito senza pubblicità. Clicca sul bottone o su questo link. GRAZIE!


DISCLAIMER: Tutti i contenuti di questo sito non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Gli argomenti riguardano l’analisi fondamentale e tecnica, i commenti sui mercati, la casistica operativa, piani di trading, ecc., ma non forniscono segnali di acquisto o vendita sui vari strumenti finanziari, né indicazioni per la gestione diretta o indiretta del capitale di terzi. Pertanto, chi legge i contenuti del sito riconosce la propria esclusiva responsabilità delle eventuali e successive azioni. Le informazioni finanziarie presenti nascono da conoscenze ed esperienze personali degli autori, che conducono inevitabilmente a valutazioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Tutti i contenuti sono quindi passibili di errori di interpretazione e valutazione, come avviene per qualsiasi opinione personale. È possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading o investimento in proprio sugli stessi strumenti citati, e quindi si trovi in conflitto di interesse con i lettori. Si ricorda che i rischi di perdite legati all’attività di trading possono essere molto elevati e arrivare ad azzerare il capitale impiegato. L’investitore deve considerare attentamente i rischi inerenti all’attività di trading e investimento alla luce della propria situazione finanziaria. Infine, si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della L. 62/2001 poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Riteniamo che le immagini utilizzate a corredo dei post siano di pubblico dominio. Qualora invece dovessero essere coperte da diritti siete pregati di avvertirci (info@investireinmegatrend.it) e provvederemo a rimuoverle immediatamente.


error: ATTENZIONE: IL CONTENUTO DI QUESTO SITO E' PROTETTO E NON COPIABILE!!