Per il finanziamento dello start up d’impresa il crowdfunding può rappresentare lo strumento ideale.

Non è un caso che il crowdfunding in Italia stia crescendo velocemente!

Si sente spesso parlare di startup innovative, in questo blog ne abbiamo già parlato nel post: Startup innovative: cosa sono e come diventarlo, così come di strumenti legati al loro finanziamento, nei post:

Il crowdfunding per il finanziamento delle imprese

Troppo spesso, quando l’attenzione cade sul finanziamento delle start up, vi è un unico filo conduttore: la finanza agevolata.

Sgombriamo intanto il campo dai dubbi: per essere innovativa una startup deve avere come obiettivo prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti e/o servizi di alto valore tecnologico.

Si leggono su guide per smart&start italia, incentivi del ministero dello sviluppo economico, sul sostegno pubblico alle startup innovative, tutti i bandi aperti e le novità del 2021 per i finanziamenti pubblici alle start up innovative.

Ho scaricato mini guide per neo imprenditori con focus molto spinti sulla finanza agevolata, oppure la guida aggiornata alle agevolazioni per startup innovative.

Non va bene? Certo! Su questo blog ho già scritto dell’importante iniziativa Smart money… Ma ogni cosa ha il suo tempo però, non credete?

Le opportunità di finanziamento per le Start Up Innovative del 2021 saranno tante perché le start up innovative in Italia sono una realtà sempre più diffusa.

Come ottenere un finanziamento per avviare una startup?

Questa domanda è un po’ provocatoria “Come ottenere un finanziamento per avviare una startup?” Piuttosto mi chiederei di cosa ho bisogno per avviare una startup?

Ecco che i soldi scendono nella classifica delle priorità, perché? Semplicemente perché l’idea deve diventare prodotto, poi impresa, poi business, poi per sviluppare il business avrò bisogno dei soldi!

Pensate a quanto importante sia il team? Leggo spesso business plan di aziende tecnologiche, che devono sviluppare software… senza la presenza dell’ingegnere capace di scrivere il software… perché va all’esterno, come?

Io opero il “buy” per un’attività strategica? Ma la devo blindare con una lauta partecipazione societaria quella figura professionale, con incentivi legati alla crescita della quota societaria… altro che compro dall’esterno il servizio!

Ecco che il finanziamento delle start up diventa poco importante di fronte a rischi di far crescere male la società.

Come finanziare una start up innovativa

Per finanziare una start up innovativa è necessario provare e riprovare, fallire per tornare a fare le stesse cose in modo diverso. Ecco che i premi alle startup innovative rappresentano il primo passo.

Ce n’è tanti e per tutti i settori, a me piace quello di Amazon che premia le startup innovative di prodotti fisici attraverso il contest Launchpad Innovation Awards.

Ci sono poi i contributi a fondo perduto per servizi di incubazione e accelerazione. Attenzione non quelli che prevedono il finanziamento a tasso zero o a tasso contenuto… quello, nelle fonti di finanziamento, è capitale di debito a tutti gli effetti!

Parlo degli incentivi che hanno elaborato molte regioni per consentire di creare un sistema imprenditoriale, di accompagnare al “fare impresa”.

Poi c’è per il finanziamento alle start up il crowdfunding: il donation ed il reward che consentono con uno sforzo relativamente contenuto a poter capire come approcciare al meglio il proprio target facendo leva sulla “saggezza della folla“.

Di non minore importanza il lending crowdfunding che da la possibilità di contenere il rischio di credito, di non esporre la start up al giudizio inesorabile della centrale rischi piuttosto di preservarla attraverso piccoli interventi (spesso purtroppo molto costosi) a quello che potrà essere.

Vedo startup immediatamente indebitate, perché? Non è la strada giusta imbarbarire di debito qualcosa che sta nascendo. Pensate ad una pianta appena nata e inzozzata di concimi… la pianta muore!

Infine l’equity crowdfunding che significa prima di tutto condivisione del rischio d’impresa, significa ingigantire il capitale di rischio per rendere più forte la società!

Arriverà poi il finanziamento pubblico, la finanza agevolata… ci consentirà di far spiccare il volo alla startup! Sarà in questa fase quella giusta per spingere sull’acceleratore del finanziamento alle start up!

Speriamo che il crowdfunding cresca ancora in Italia… sarà così che migliorerà l’ecosistema delle startup.

Videocorsi on-demand su crowdfunding e finanza d’impresa

Se vi interessa approfondire l’argomento sono disponibili i miei videocorsi di formazione, facilmente acquistabili e fruibili attraverso internet. Per informazioni visitate la pagina Corsi di Formazione di questo sito.

Pasquale Stefanizzi

Di Pasquale Stefanizzi

E’ PhD in materie economico finanziarie (Banca e Finanza) presso l’Università di Roma Tor Vergata, già assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria dell’innovazione dell’Università del Salento. Nel 2015 ha terminato con profitto il master in “Digital marketing” di Ninja Accademy. E’ consulente d’impresa e docente in numerosi corsi di formazione. Ha sviluppato un particolare interesse per le attività di accompagnamento delle imprese nei rapporti con le banche. E’ autore di pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali.